Addio a Takis, scultore "magnetico" d'impatto internazionale

Domenica 11 Agosto 2019
Takis
L'artista greco Panayotis Vassilakis, conosciuto con il nome di Takis, celebre a livello internazionale per le sculture che sperimentano le possibili interazioni tra spazio, oggetti e forze magnetiche ricercando nuove fonti di energia, è morto ad Atene all'età di 93 anni. Takis si stabilì nel 1955 a Parigi dove, in contatto con i Nouveaux Réalistes, avviò una fase d'intensa sperimentazione tesa alla rappresentazione simbolica del paesaggio tecnologico. 

Sue le sculture «telemagnetiche», nelle quali oggetti metallici legati a un filo di nylon sono sospesi nello spazio grazie all'uso di magneti. Dopo la serie di «Segnali» (1955-58), lunghe aste d'acciaio coronate da oggetti di recupero in continua vibrazione, ha indagato con le sue sculture le forze magnetiche e con la collaborazione del Mit di Boston ha impiegato le fonti di energia («Scultura idromagnetica», 1968). Sperimentatore instancabile, Takis si è dedicato con particolare interesse anche all'allestimento di spettacoli teatrali ed 'environments' e ha realizzato opere monumentali («Segnali luminosi. Vite d'Archimede», 1984-90, Parigi, Grande Arche de la Défense; «Segnali», 1988, Seul, Parco olimpico della scultura; sistemazione della stazione metrò Reynerie a Tolosa, progettata nel 1993).

All'artista che nel 1995 ha rappresentato la Grecia alla Biennale di Venezia è stata dedicata nel 2004 un'importante retrospettiva alla Galleria Credito Siciliano di Acireale, poi esposta alla Galleria Gruppo Credito Valtellinese, dal titolo «L'opera d'arte come simbolo d'energia». © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La Roma di Max Pezzali: questa città è difficile, ma ci vivrei

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma