Via col Vento, Olivia de Havilland spegne 104 candeline: interpretò Melania

Mercoledì 1 Luglio 2020 di Laura Larcan
Olivia de Havilland spegne 104 candeline: fu Melania in

Buon compleanno a Olivia de Havilland, la indimenticabile Melania Hamilton di "Via col vento", che compie la bellezza di 104 anni, comnquistando la statuetta d'oro per la diva più longeva di Hollywood. Come molti siti di cinema stanno commentando in queste ore, se nel kolossal il suo personaggio era il primo a morire, ora l'attrice sembra prendersi la rivincita. Anzi, Olivia/Melania è l’unica sopravvissuta di tutto il cast. E pensare che il film del 1939, il preferito del presidente Donald Trump, è stato al centro di un valzer di polemiche nelle ultime settimane dopo che è stato ritirato momentaneamente dal catalogo della piattaforma HBO Max perché "considerato" razzista sulla scia delle contestazioni innescate dopo all'omicidio di George Floyd.

Olivia de Havilland, l'eroina di “Via col vento" a 101 anni fa causa alla produzione di un docufilm
Caso Floyd, "Via col vento" ritirato con la serie "Cops": «Sono razzisti»

Agè, ma battagliera. Tre anni fa (aveva 101 anni) era salita all'onore delle cronache internazionali per aver portato in tribunale "Feud: Bette and Joan", un docudramma del canale della 20th Century Fox FX, sostenendo che il suo personaggio era stato inserito nel copione senza il suo permesso, travisando per di più i suoi rapporti con le protagoniste, Bette Davis, Joan Crawford, e la famosa sorella Joan Fontaine. Echeggiando guerre lontane tra dive nell'epoca d'oro di Hollywood. Eva contro Eve...Nel docufilm, «il personaggio “Olivia de Havilland” chiamava mia sorella Joan Fontaine “una troia” e spettegolava sui rapporti personali e privati della Davis e della Crawford. Mi sono offesa profondamente», confidò all'epoca al New York Times.

Sulla sua rivalità con la sorella Joan Fontaine, comunque, c'è tutta una letteratura a Hollywood. Basti pensare che nel 1942 furono entrambe in corsa per l’Oscar. Vinse la Fontaine, diretta da Alfred Hitchcock nel film “Il sospetto”. Britannica, Olivia De Havilland diventa cittadina americana dal 1941. Due anni prima aveva raggiunto la celebrità mondiale interpretando il personaggio di Melania, l'eterna spina nel fianco, suo malgrado, di Rossella O'Hara/Vivien Leigh per conquistare il cuore di Ashley. Olivia De Havilland di Oscar ne ha portati a casa due nella categoria di miglior attrice protagonista. La prima nel 1946 per “A ciascuno il suo destino”. La seconda statuetta la vince nel 1950 per la sua interpretazione nel film “L’ereditiera”. Si è ritirata dalle scene ufficialmente nel 1988.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani