CORONAVIRUS

Sandra Milo si incatena a Palazzo Chigi e viene ricevuta da Conte: «È un grande uomo, ha promesso di aiutare il mondo dello spettacolo»

Mercoledì 27 Maggio 2020
1
Sandra Milo si incatena e viene ricevuta da Conte: «È un grande uomo, difenda il mondo dello spettacolo»

Alla fine, dopo gli appelli e lo sciopero della fame, Sandra Milo è stata ricevuta dal premier Giuseppe Conte.

«È andata bene, ha detto che farà di tutto per aiutare le persone. Io ero molto emozionata, lui invece era sereno, è una persona di grande comprensione, ha un lato molto umano». Lo dice l'attrice uscendo da Palazzo Chigi dove è stata ricevuta dal premier Giuseppe Conte dopo la sua protesta davanti alla sede del governo. Milo, che si era incatenata alle transenne che delimitano Piazza Colonna, è andata a portare a Conte le richieste degli autonomi del mondo dello spettacolo, danneggiati dalla crisi Covid-19. «Mi ha detto che oggi è un giorno importante perché l'Ue darà un numero enorme di risorse», continua l'attrice che conclude: «Sono sicura che manterrà le promesse».

Sandra Milo in sciopero della fame, la richiesta a Conte: «Siamo disperati»
Sandra Milo cade rovinosamente in diretta, Marco Liorni la soccorre. Caos in studio

 «Conte è un politico di grandissima qualità, è un politico d'altri tempi, alla Pietro Nenni, ci ascolti. Noi chiediamo di essere ascoltati con grande civiltà», aveva detto l'attrice 87enne, che già nei giorni scorsi aveva iniziato uno sciopero della fame per far sì che il governo ponesse attenzione sugli autonomi, le partite Iva, gli artisti e gli operatori del mondo dello spettacolo, segnato dalla pandemia.
 

L'attrice in mattinata si era incatenata alle transenne che circondano piazza Colonna su cui si affaccia palazzo Chigi  Milo, entrando a Palazzo Chigi, era visibilmente soddisfatta: «E' un grande uomo», ha detto ai cronisti che la circondavano

Ultimo aggiornamento: 19:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani