JOE BIDEN

Sacha Baron Cohen e l'effetto Giuliani: «Quella scena del film ha aiutato Biden»

Venerdì 19 Febbraio 2021
Sacha Baron Cohen

Sacha Baron Cohen afferma che il team della campagna di Joe Biden è stato “molto felice” della controversia a cui ha dato vita il seguito del suo film  Borat  che ha travolto l’avvocato personale di Donald Trump, Rudy Giuliani, pochi giorni prima delle elezioni presidenziali.
In un’ampia intervista per il Guardian pubblicata venerdì scorso, Baron Cohen avfferma che la scena della camera da letto del film che ha visto Giuliani presumibilmente colto in una situazione compromettente con la mano giù per i pantaloni abbia avuto un impatto sulle elezioni. All’improvviso ha dovuto cercare di spiegare che non stava giocando con se stesso. Sono state elezioni così serrate che tutto in quelle ultime settimane è stato cruciale»”, ha detto l'attore e regista.
A quel tempo, Giuliani negò di recitare in modo inappropriato parlando nel suo programma radiofonico settimanale e descrisse il film come “un lavoro di successo”. La famigerata scena è diventata un argomento caldo sui social media, i notiziari via cavo e la televisione a circa una settimana dalle elezioni dello scorso novembre ed è stata rilevante per una serie di cicli di notizie man mano che nuove rivelazioni sono venute alla luce.
Baron Cohen ha anche tenuto viva la questione dicendo a “Good Morning America”: «Se l’avvocato del presidente ha trovato quello che ha fatto Giuliani un comportamento appropriato, allora il cielo sa cosa ha fatto con altre giornaliste donne nelle stanze d’albergo».
Ha anche pubblicato una dichiarazione su Twitter nel personaggio del suo alter ego Borat Sagdiyev poco prima del dibattito presidenziale finale. Nella breve clip, Baron Cohen nei panni di Borat ha detto: Sono qui per difendere il sindaco americano Rudolph Giuliani. Quello che è stato un incontro sexy e innocente con un uomo consenziente e mia figlia di 15 anni è stato trasformato in qualcosa di disgustoso dai media» . 

I fatti: il 7 luglio scorso, l'avvocato di Trump aveva accettato di rilasciare un'intervista a una ragazza, Maria Bakalova, in realtà la co-protagonista del film in cui interpreta la figlia di Borat: l'incontro era stato fissato in un hotel di Manhattan. Durante l'intervista, caratterizzata da toni lusinghieri e ricca di complimenti per Trump, l'ex sindaco "le tiene le mani", "fa complimenti galanti" e poi, invitato dalla "giornalista", finisce per seguirla in una suite, che è attrezzata con telecamere nascoste. La ragazza finge di perdere tempo nel liberarsi del microfono e spogliarsi, e a quel punto Giuliani si sdraia sul letto e si infila le mani dentro i pantaloni con gesto inequivocabile. E' in quel momento che irrompe nella stanza, nel famoso stile travolgente di "Borat", l'attore che comincia a urlare come un pazzo "Ha 15 anni, è troppo vecchia per te". In realtà l'attrice ne ha 24. Sulla rete è finito il fermo immagine della scena: si vede l'avvocato di Trump, in completo blu, sdraiato sul letto, con la mano sinistra infilata ad armeggiare dentro i pantaloni e la ragazza a pochi passi. Dopo l'episodio, Giuliani aveva denunciato l'episodio alla polizia, pensando di essere stato vittima di una trappola per essere ricattato

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA