Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

“Piccole donne” compie 150 anni, in arrivo un nuovo film: la figlia di Uma Thurman sarà Jo

Il film "Piccole donne" di Gillian Armstrong del 1994
3 Minuti di Lettura
Domenica 4 Marzo 2018, 16:07 - Ultimo aggiornamento: 6 Marzo, 19:36
È stato scritto 150 anni fa, eppure resta nel cuore di tutte le donne che lo hanno letto da bambine e sembra resistere anche ai tempi dei social. Il capolavoro di Louisa May Alcott, Piccole donne, uscito nel 1868, tradotto in 50 lingue, continua ad essere un bestseller: solo le librerie Feltrinelli ne vendono ancora oggi ogni anno oltre 4 mila copie e qualsiasi casa editrice che voglia inaugurare una collana di classici lo inserisce tra i titoli. Un libro che sembra essere un evergreen anche al cinema, grazie alle numerose trasposizioni filmiche a partire dall'epoca del muto (è del 1918 Little Women diretto da Harley Knoles).

Nei panni di Jo, Meg, Amy e Beth si sono cimentate famose attrici: nel 1933 Katharine Hepburn, nel 1949 Elizabeth Taylor, nel 1994 Winona Ryder e Susan Sarandon, e ora si aggiunge Maya Hawke, la figlia diciannovenne di Uma Thurman, che a breve impersonerà la coraggiosa Jo nella nuova produzione della Pbs americana. «Piccole donne è il primo libro che ho letto», ha dichiarato in un'intervista la giovane attrice, e «Jo - ha aggiunto - è uno dei miei personaggi preferiti. L'archetipo femminista che ammiro di più». Con lei nel cast anche la
Signora in giallo Angela Lansbury che impersona la bisbetica zia March, Emily Watson (mamma March) e Michael Gambon (nonno Laurence).

Ambientato in America ai tempi della guerra di secessione, il libro autobiografico che racconta le vicende delle sorelle March ha appassionato e accompagnato tante generazioni di donne. L'autrice Louisa May Alcott, sostenitrice del suffragio universale esteso alle donne, scrittrice per ragazzi, ha avuto il merito di creare un romanzo dal forte substrato femminista. Le quattro protagoniste di
Piccole donne, ognuna a suo modo, perseguono la propria realizzazione, chi scrivendo, chi suonando, dipingendo o aiutando l'economia familiare. Nata in quella che oggi è Philadelphia, Louisa May Alcott era figlia di un noto filosofo trascendentalista e di una madre suffragetta impegnata nel sociale. Come la protagonista del suo libro, la Alcott comincia a scrivere per bisogno, la famiglia infatti vive traversie economiche e la giovane Louisa, seconda di quattro figlie, inizia a pubblicare a pagamento brevi racconti su riviste e quotidiani. Piccole donne prende spunto dalla realtà della sua famiglia, composta appunto da quattro figlie femmine che vivono, con padre e madre, in un cottage a Concord nel Massachussetts. Il romanzo è considerato tra le 100 opere fondamentali della cultura americana.
© RIPRODUZIONE RISERVATA