Pianeta delle scimmie: gli scienziati dicono ni

Martedì 22 Luglio 2014 di Fabio Ferzetti
Una scena da Apes Rrevolution
Insomma, siamo uomini o scimpanzŤ? Se il cinema inventa strumenti sempre pi√Ļ sofisticati per rendere vivo e credibile ci√≤ che non esiste (come il Gollum del Signore degli anelli o lo scimpanz√® Caesar del Pianeta delle scimmie, entrambi interpretati da Andy Serkis), anche la scienza non sta a guardare. E con l’arrivo del nuovo episodio della saga, gli esperti sono saliti in cattedra per dire la loro. Giustamente, anche se il cinema si fa con la fantasia e non con la scienza, un po’ di rigore non guasta.



MIMICA Possiamo credere alle sofisticate espressioni facciali di Caesar e compagni? Hmmm... Qui siamo ancora in zona Disney. Nessun primate aggrotta la fronte come questi personaggi. Inoltre l’espressivit√† scimmiesca si accompagna a strida e versi animaleschi, che il film ha eliminato per umanizzare a dovere i protagonisti.



PROMISCUITA' Pi√Ļ complicata la questione familiare. Nel Pianeta delle scimmie la specie dominante sono gli scimpanz√®, ma le loro famiglie monogamiche ricordano quelle dei gorilla (oltre alle nostre ovviamente, almeno in Occidente). Gli scimpanz√® sono decisamente pi√Ļ promiscui e cambiano volentieri partner. Ma forse se uno scimpanz√® diventa umano a San Francisco, che quanto a promiscuit√† non scherza, per reazione diventa severo come un quacchero (questo lo diciamo noi, non gli scienziati).



PATERNITA' Stesso dicasi per l’istinto paterno. Gli scimpanz√© maschi, in genere, dei figli se ne infischiano e a volte li uccidono. Nel film invece sono teneri come i pap√† degli spot. Ma √® vero, assicurano gli esperti, che alcuni maschi possono adottare cuccioli orfani, e comunque gli scimpanz√® sanno mostrarsi “amabili” ed estroversi proprio come noi, quindi il film non forza troppo la mano. Cos√¨ come hanno sviluppatissimi i ricordi e l’istinto della vendetta. Ecco il tratto pi√Ļ umano. E cinematografico, naturalmente. Ultimo aggiornamento: 17:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani