Genovese, i progetti: un film sulle coppie
e il remake Usa di “Perfetti sconosciuti”

Martedì 28 Maggio 2019
Il regista Paolo Genovese
Un film «sulle coppie, che ho iniziato a scrivere da un mese», il remake americano di “Perfetti sconosciuti”, «che mi hanno chiesto di dirigere» e la serie da “Tutta colpa di Freud” che sta entrando in fase di casting. Sono fra i nuovi progetti di Paolo Genovese, protagonista ieri di “Caravaggio incontri”, al Cinema Caravaggio di Roma. essioni, ricordi e aneddoti divertenti, come quello sul remake Usa di Perfetti sconosciuti: »È iniziato tutto da Charlize Theron: «Ha visto il film durante un volo, gli è piaciuto molto e si è convinta se ne potesse fare un remake. Così ho ricevuto una chiamata da Hollywood in cui mi chiedevano di andare a Los Angeles per un incontro. Gli ho risposto che ero sul Lungotevere e non mi veniva proprio facile. Poi ci siamo visti più volte con il produttore che ha acquisito i diritti dopo il fallimento della società di Weinstein (che se li era assicurati inizialmente, insieme a Leonardo DiCaprio, ndr). È ancora tutto in una fase molto embrionale. Per ora gli americani stanno fantasticando sul cast ideale, e quando parlano fanno fanno solo i nomi, tipo Bradley, Natalie, Charlize... vedremo».

Il progetto è un’ulteriore consacrazione per “Perfetti sconosciuti” che è stato venduto in 85 Paesi ed ha già originato 18 remake: «Il mese prossimo entreremo per questo nel Guinness dei primati - dice il regista -. Io ne ho visti sei o sette, e mi sembrano tutti orrendi. Ma è normale, dopo aver lavorato tanto sulla sceneggiatura, soffri a vedere scene cambiate e battute tagliate». Qual è il segreto di questo film? »Penso sia stato una sorta di autoanalisi collettiva su un momento di cambiamento profondo della società e della nostra vita, con il cellulare che diventa il fulcro di tante cose».

Tra i progetti internazionali c’è anche l’adattamento del suo romanzo “Il primo giorno della mia vita”: «Diventerà un film ambientato a New York ma la preparazione richiede ancora tempo, per questo ho pensato di girare prima il film in Italia sulle coppie». Dal pubblico gli chiedono quali attori che ancora non ha diretto vorrebbe in un suo progetto: «Tra le attrici penso ad esempio a Jasmine Trinca, mi piace moltissimo, siamo andati vicino a lavorare insieme varie volte. Avrebbe dovuto fare “Perfetti Sconosciuti” ma era bloccata su un altro set. E amo molto Elio Germano, lo considero un grande attore anche da commedia, perché le commedie vere non sono film comici, ma partono dal dramma e dall’osservazione della realtà».  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Gli straordinari delle maestre con gli stracci per pulire l’aula

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma