Oscar, il video commemorativo "dimentica" Luke Perry: l'ultima apparizione nel film di Tarantino

Lunedì 10 Febbraio 2020 di Paolo Travisi

Come dimenticare Luke Perry? L'attore che negli anni Novanta ha interpretato il Dylan della serie cult Beverly Hills 90210, scomparso il 4 marzo scorso all'età di 52 anni. Eppure la macchina hollywoodiana, apparentemente perfetta, che ogni anno, nel corso della premiazione degli Oscar, celebra attori, registi e personalità del cinema mondiale deceduti, nel video commemorativo “In memoriam”, è riuscita dimenticarlo.

Oscar, Chiara Ferragni, Fedez e la foto con Kim Kardashian. E spunta il tag a Gianni Morandi
Oscar, Jane Fonda e l'abito "riciclato" dal 2014: ecco perché ha scelto di indossare lo stesso vestito

Mentre la nuova pop star Billie Eilish intonava Yesterday dei Beatles, sullo schermo del Dolby Theatre di Los Angeles scorrevano le immagini di Agnés Varda, Danny Aiello, Peter Mayhew, Rip Torn, Doris Day, Kirk Douglas, Piero Tosi, Franco Zeffirelli, persino la stella del basket Kobe Bryant, che vinse l'Oscar per un cortometraggio. Ma di Luke Perry, nessuna traccia. Una dimenticanza pesante, che non è passata inosservata agli occhi dei tanti fan, che hanno riempito i social con commenti di rimprovero nei confronti di un errore imperdonabile.
 

 

E chissà se anche i suoi ultimi compagni di set, Leonardo Di Caprio e Brad Pitt, insieme a Tarantino, regista di C'era una volta a Hollywood si siano accorti della dimenticanza. Luke Perry, infatti, è apparso in un cameo nel film che ha consentito a Pitt di aggiudicarsi l'Oscar come miglior attore non protagonista. Proprio Leonardo DiCaprio, all'epoca della tragica scomparsa di Luke Perry, lo aveva ricordato scrivendo su Twitter: «Luke Perry era un uomo di buon cuore e un artista di incredibile talento. Poter lavorare con lui è stato un onore. I miei pensieri e le mie preghiere sono rivolti a lui e ai suoi cari».
 

Ma l'attore di Beverly Hills, non è l'unico assente nel video dell'Academy. Seppur meno noto al grande pubblico, nel filmato mancava anche Cameron Boyce, morto nel sonno appena ventenne, uno dei volti delle serie tv Disney Channel.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma