Mafia, al Giffoni festival un corto su Falcone e Borsellino realizzato dai bimbi della scuola Gianni Rodari

Martedì 6 Giugno 2017 di Giovanni Del Giaccio
La classe protagonista del
Un plebiscito on line e la partecipazione al Giffoni film festival per il cortometraggio "L'appello" realizzato dai bambini del III istituto comprensivo di Anzio a 25 anni dalle stragi di mafia a Capaci e via D'Amelio a Palermo. Una vittoria che arriva proprio nel giorno delle polemiche per la decisione della Cassazione su Totò Riina.

Il lavoro che Valerio Cicco, insieme a docenti e collaboratori della scuola "Gianni Rodari",  ha fatto con i bambini ha ottenuto 6467 voti - grazie anche a una campagna sui social network che ha visto il Comune di Anzio in prima fila - e adesso sarà in concorso. E' la storia di una classe, una quarta, che appare inizialmente come di scapestrati e intenta a combinare qualche guaio, ma quando l'insegnante comincia l'appello e riecheggiano i nomi delle scorte di Falcone e Borsellino, poi quelli dei magistrati, arriva un groppo in gola.

Soddisfazione per il risultato viene espressa dalla dirigente scolastica, Maria Teresa D'Orso: «Il lavoro di un anno viene premiato, sono particolarmente contenta per quanto fatto da quella classe ed è ancora più rilevante il fatto che tutto sia caratterizzato dalla partecipazione dei bambini che hanno superato qualche timore e soprattutto compreso il messaggio che si voleva dare»

Quello contro la mafia e la criminalità organizzata che arriva senza mezzi termini, a maggior ragione quando lo mandano dei bambini. Qui è possibile vedere il corto.   Ultimo aggiornamento: 7 Giugno, 18:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

L’incubo di vivere per 34 ore sulla barella al pronto soccorso

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma