Agli Efa vanno bene i film italiani: quattro nomination per “Il Traditore”

Sabato 9 Novembre 2019
Pierfrancesco Favino in
Il Traditore di Marco Bellocchio sbanca agli European Film Academy (EFA) con ben quattro nomination, ma vanno forte, sempre per l’Italia, Selfie, documentario di Agostino Ferrente (L’Orchestra di Piazza Vittorio) nella categoria miglior Documentario dove è in corsa anche La scomparsa di mia madre di Beniamino Barrese. Un’edizione dominata quest’anno da grandi nomi come Pedro Almodvar, Marco Bellocchio e Roman Polanski in testa alle nomination con quattro categorie ciascuno.  Interessante poi notare che questo tris di film, Dolore e Gloria, Il Traditore e L’Ufficiale e la Spia, hanno ottenuto le nomination nelle categorie europee più importanti: film, regia, sceneggiatura e attori (Antonio Banderas, Pierfrancesco Favino e Jean Dujardin). Anche il regista greco Yorgos Lanthimos ha ricevuto quattro nomination per La Favorita, già nominata nella categoria commedia europea a cui si aggiungono ora le categorie film, regista e attrice europea (Olivia Colman).  Sorprese, infine, dai registi esordienti Ladj Ly e Nora Fingscheidt, rispettivamente con Les Miserables e System Crasher nominati nella categoria European Film. La cerimonia di premiazione si svolgerà a Berlino il sette dicembre anche se in precedenza, l’Academy presenterà i vincitori degli European Film Awards tecnici (nelle categorie cinematografia, montaggio, scenografia, costume, compositore e sound design).  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani