Hitchcock, una grande mostra a Genova con settanta scatti dai set del maestro

Mercoledì 13 Novembre 2019
Alfred Hitchcock, una grande mostra a Genova
Alfred Hitchcock non era contento di venire in Italia a girare il primo film della sua carriera, perchè non conosceva l’italiano e temeva di incontrare troppe difficoltà. La produzione lo convinse e così il primo ciak del maestro - nel 1925, The Pleasure garden - inquadrò le strade di Genova e la stazione marittima. I successivi ripresero la splendida spiaggia di Alassio. C’è anche l’Hitchcock genovese in una mostra a Palazzo Ducale a Genova che con 70 fotografie scattate sui set e nei backstage dei film più celebri, da Psyco a La finestra sul cortile, celebra il maestro del brivido.

Si intitola Alfred Hitchcock nei film della Universal Picture e fino all’8 marzo 2020 permetterà di scoprire particolari curiosi sulla realizzazione delle scene più celebri, sui primi effetti speciali ma anche sulla vita privata di uno dei registi più famosi. «La contemporaneità di Hitchcock credo stia nel fatto di esser stato un inventore di forme, uno dei più grandi del Novecento - spiega il curatore, Gianni Canova -: ha saputo tradurre in luci, colori, movimenti di macchina, inquadrature, i sentimenti umani, dal sospetto all’invidia, alla gelosia. I suoi film, per quanto volte li si riveda,sono ogni volta una sorpresa. Le tecniche della suspence che inchiodano a una poltrona lo spettatore le ha inventate lui. E poi lui non impressiona in modo violento, nella scena sotto la doccia in Psycho, il coltello non tocca il corpo della vittima».

Apre la mostra la sezione dedicata a Hitchcock a Genova. «Qui ha fatto il primo ciack, a 26 anni - spiega Renato Venturelli -, fu un’esperienza avventurosa che ricordò tutta la vita perchè alla frontiera gli sequestrarono la pellicola e a Genova gli rubarono il portafoglio. Tra l’altro nel film si vede una delle ultime immagini di ponte Federico Guglielmo, la vecchia stazione Marittima». Chiude l’esposizione un montaggio con le celebri apparizioni di Hitchcock sulle scene dei suoi film. La mostra offre anche una chiave di lettura molto particolare: in alcune date è prevista una «visita con delitto», con la partecipazione di alcuni attori. «Il direttore di Palazzo Ducale, per alcuni sabati, sarà ucciso - spiega la direttrice, Serena Bertolucci - e gli spettatori potranno collaborare alla risoluzione del delitto. Anche perché questa non è una mostra fotografica, ma un capitolo di storia del cinema e, come, tale deve essere sperimentato». © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani