GRETA THUNBERG

Venezia, il documentario su Greta Thunberg: il Covid non cancella la crisi dell'ambiente

Venerdì 4 Settembre 2020 di Ilaria Ravarino
Venezia, il documentario su Greta Thunberg: il Covid non cancella la crisi dell'ambiente

Ha affrontato 36 ore di viaggio da Stoccolma, muovendosi esclusivamente con mezzi a basso impatto ambientale, per raggiungere Venezia e presentare fuori concorso il suo Greta, documentario sull’attivista svedese Greta Thunberg. Un atto dovuto, secondo il regista Nathan Grossman, che di Thunberg ha seguito ogni passo - dallo sciopero davanti al Parlamento Svedese fino alle missioni alle Nazioni Unite - condividendone l’impegno per un ambiente sostenibile e resistente: “La crisi del covid non riuscirà a distrarre i ragazzi dall’impegno per l’ambiente - ha detto - Anzi, vedere quanti soldi si spendono per questa crisi, mentre per l’ambiente non si fa nulla, li farà arrabbiare di più”.

LEGGI ANCHE Il film su Greta Thunberg alla Mostra del cinema, l'attivista partecipa in collegamento da scuola

Il documentario, al cinema in Italia da metà ottobre, racconta le gioie, ma anche le sofferenze e le frustrazioni, della ragazza diventata guida e simbolo dei movimenti ambientalisti nel mondo, capace di tenere testa ai leader internazionali (perfida la sequenza del suo incontro all’Eliseo, con un imbarazzato Emmanuel Macron) nonostante la giovane età e una sindrome, quella di Asperger, da lei considerata “una ricchezza”. Assente fisicamente da Venezia, perché impegnata a scuola in Svezia, ma presente in collegamento video alla Mostra, Thunberg ha voluto rispondere anche agli haters che da sempre si accaniscono contro di lei: “Ci sono teorie complottiste secondo cui io rappresenterei qualcun altro, o sia manipolata. Ma nel film si vede che non è così: io rappresento le mie idee e decido per me stessa”.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA