ROMA

Morto George Hilton, star degli spaghetti western: era nato in Uruguay

Lunedì 29 Luglio 2019
Morto George Hilton, star degli spaghetti western: era nato in Uruguay

Si è spento ieri a Roma, all'età di 85 anni, l'attore George Hilton, talvolta accreditato anche come Jorge Hilton, nome d'arte di Jorge Hill Acosta y Lara. Nato e cresciuto in Uruguay, e naturalizzato italiano, l'attore era divenuto famosissimo grazie alle sue performance in molti spaghetti western. Proprio due giorni fa aveva ricevuto la Targa d'oro alla Carriera-Premio Luciano Martino, intitolato al produttore e amico con cui realizzò diversi film.
I funerali si terranno domani alle 16.30 alla Chiesa degli Artisti di Roma, in piazza del Popolo.

Los Angeles, addio alla stella di "Moulin Rouge": Zsa Zsa Gabor morta a 99 anni
 


Nato a Montevideo il 16 luglio del 1934, aveva iniziato la carriera lavorando in radio. Nel 1955 si era trasferito in Argentina, dove adottò lo pseudonimo di Jorge Hilton e cominciò ad apparire in diversi fotoromanzi e in produzioni cinematografiche destinate al mercato interno del paese. Nel 1963 era giunto in Italia seguendo l'esempio di altri attori sudamericani come Jorge Rigaud e Alberto de Mendoza, attirati dalla fiorente industria cinematografica romana. Dopo aver anglicizzato il suo nome in George, ottenne il ruolo principale in una pellicola di pirati: “Il corsaro nero nell'isola del tesoro (1965). Nello stesso anno interpretò un emulo di 007 nel film comico Due mafiosi contro Goldginger con Franco e Ciccio.

Venne lanciato nel genere western dal regista Lucio Fulci col film “Le colt cantarono la morte e fu... tempo di massacro (1966), al fianco di Franco Nero ed in breve divenne un'icona nel genere. L'anno seguente partecipò infatti a ben sette produzioni del filone, alimentando la sua fama a livello internazionale ed ottenendo buon seguito soprattutto in Spagna. Diventò una delle maggiori star del cinema italiano assieme a Terence Hill, Franco Nero e Giuliano Gemma. I sui personaggi più famosi sono probabilmente quello del pistolero del western Alleluja, creato insieme al regista Giuliano Carnimeo, e quello di Tresette.
IL PERSONAGGIO
Hilton affrontò anche altri generi, dal dramma al film di guerra, approdando infine al giallo con la pellicola di Romolo Guerrieri
Il dolce corpo di Deborah (1968). Dotato di un fascino languido e tenebroso, l'attore si adattò perfettamente al genere e così venne chiamato ad interpretare alcuni dei più noti titoli del filone tra cui: Lo strano vizio della signora Wardh (1970),La coda dello scorpione (1971), Tutti i colori del buio (1972), diretti da Sergio Martino e Perché quelle strane gocce di sangue sul corpo di Jennifer? (1972) di Giuliano Carnimeo, sempre affiancato da Edwige Fenech. Partecipò anche a film polizieschi (Torino violenta del 1977), commedie (Taxi Girl del 1977) e fanta-avventurosi (I predatori di Atlantide del 1983), ma dagli anni ottanta le sue apparizioni si fecero sempre più sporadiche. In quegli anni ha lavorato in diversi film per la tv (A cena col vampiro del 1988), telefilm (College del 1989) e miniserie (Tre addiì del 1999).
Al cinema era tornato per il sequel di
Abbronzatissimi, Abbronzatissimi 2 - Un anno dopo (1993), dove interpretava l'attempato fidanzato di Bea (Valeria Marini). Infine, nel 2007 aveva preso parte al film Natale in crociera, di Neri Parenti, nel ruolo del comandante della nave.

Ultimo aggiornamento: 30 Luglio, 10:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Romani pronti al rientro ma potrebbero ripensarci

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma