Il Festival di Locarno omaggia
il cinema dei fratelli Taviani

Mercoledì 8 Agosto 2018
Un'immagine di
Il 71mo Locarno Festival non dimentica i grandi del cinema: questa sera rende omaggio alla straordinaria carriera dei fratelli Taviani ricordando Vittorio, scomparso lo scorso aprile. Paolo, regista e sceneggiatore, salirà sul palco a salutare gli spettatori in Piazza Grande. Domani, per il grande pubblico al Fevi, si terrà la proiezione della versione restaurata del film “Good morning Babilonia” (1987), realizzata dalla Cineteca nazionale e dall’Istituto Luce-Cinecittà, alla presenza della protagonista della pellicola, l’attrice Greta Scacchi nel ruolo di Edna, arrivata oggi nella cittadina svizzera.

L’opera venne presentata proprio nella rassegna del Canton Ticino, nella sua 40/a edizione, fuori concorso. Autori di un linguaggio dalle profonde sfumature poetiche e politiche, i fratelli Taviani hanno scritto alcune delle pagine più significative del cinema italiano. Due maestri che fin dagli anni Sessanta hanno dato vita a un cinema impegnato e allo stesso tempo lirico, raccontando storie vere, intessute di contraddizioni, capaci di portare all’attenzione del pubblico temi fondamentali. Un talento che Locarno ha conosciuto per la prima volta nel 1974 (“San Michele aveva un gallo”), poi nel 1982 (“La notte di San Lorenzo”), e che ha segnato profondamente la storia del Festival.  © RIPRODUZIONE RISERVATA