ROMA

Federico Fellini, al via le celebrazioni per i 100 anni dalla nascita: ecco tutti gli eventi

Sabato 11 Gennaio 2020
Al via l'omaggio al maestro. Le fotografie, gli oggetti personali, le sceneggiature, i disegni, e poi ovviamente tanti, tantissimi fotogrammi, in cui si è espressa tutta la visionarietà del suo genio di cineasta e grande narratore di storie: entrano nel vivo le celebrazioni per il centenario della nascita di Federico Fellini, avvenuta a Rimini il 20 gennaio 1920.

A rendergli i primi omaggi è stata la sua città, che ricorda l'illustre cittadino con orgoglio e riconoscenza: proprio a Rimini infatti già il 14 dicembre scorso è partita la grande «festa collettiva» nel segno del regista - tante attività riunite sotto l'etichetta "Fellini 100" (e lo speciale logo firmato da Paolo Virzì) e coordinate dal Comitato Nazionale - con l'inaugurazione di "Fellini 100 Genio immortale. La mostra", in programma fino al 15 marzo a Castel Sismondo.

"La legge del sognatore", Daniel Pennac celebra Fellini a cento anni dalla nascita

L'esposizione, che ad aprile approderà a Palazzo Venezia a Roma (e poi varcherà i confini nazionali arrivando a Los Angeles, Mosca e Berlino), è stata progettata da Studio Azzurro ed è a cura di Anna Villari e Marco Bertozzi: un itinerario tra poesia e tecnologia, che presenta tutto l'immaginario felliniano, tra film, memorie, musiche, documenti, costumi, oggetti, fotografie. Una sezione della mostra è dedicata anche alla presentazione del progetto permanente del Museo Internazionale Federico Fellini, che aprirà i battenti a dicembre sempre a Rimini: un progetto ambizioso, per creare il «luogo ideale» in cui incontrare Fellini e che ruoterà attorno a
tre poli, Castel Sismondo, Palazzo Valloni (qui al piano terra ha sede il cinema Fulgor dove il regista vide i primi film) e una grande area urbana, una vera e propria Piazza dei Sogni, composta da installazioni e scenografie felliniane.

“Fellini 100 Genio immortale” a Rimini apre domani la mostra dedicata al regista

Anche Roma rende omaggio al regista, con una selezione di trenta immagini provenienti dalla Fototeca Nazionale (Centro Sperimentale di Cinematografia) nella mostra «Federico Fellini. Ironico, beffardo e centenario», in programma dal 20 gennaio al 28 febbraio alla Biblioteca Angelica, a cura di Simone Casavecchia. Il percorso vuole restituire al pubblico lo spessore della personalità dell'artista, lo sguardo e la mimica, il talento, l'umorismo e la sua quotidianità; in occasione della mostra è stato pubblicato il volume fotografico Federico Fellini (Edizioni Sabinae) che raccoglie in grande formato le 150 immagini provenienti dalla Fototeca Nazionale (CSC) da cui l'esposizione è tratta.

"Ricordiamo Federico Fellini" è invece il titolo del grande convegno internazionale organizzato a Palazzo Reale a Milano il 20 gennaio, con la partecipazione degli eredi, degli amici e di coloro che hanno amato il regista (da Carlo Verdone a Pupi Avati, da Giuseppe Tornatore a Nicola Piovani e Milena Vukotic). Sempre Palazzo Reale ospiterà dal 17 settembre al 15 novembre la mostra "1920 - 2020 Federico Fellini. Un racconto", che chiuderà
l'anno di celebrazioni ripercorrendo la vita e l'opera del maestro attraverso l'esposizione di materiali, documenti e oggetti originali.

A partire dal 13 gennaio intanto, nelle sale italiane torneranno in versione restaurata ben 5 film leggendari, Lo
sceicco bianco, I vitelloni, La dolce vita, 8 1⁄2 e Amarcord. L'iniziativa, resa possibile grazie all'impegno congiunto di Cineteca di Bologna, CSC - Cineteca Nazionale e Istituto Luce - Cinecittà (in collaborazione con RTI - Mediaset e Cristaldifilm), continuerà per tutto il 2020 con il calendario, in continuo aggiornamento, che sarà consultabile al link: distribuzione.ilcinemaritrovato.it/fellini-100.

Il ricordo di Fellini si celebra anche oltreconfine: da marzo 2020 a marzo 2021 sarà realizzata «Il Centenario. Fellini nel mondo», esposizione itinerante in collaborazione con il ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale e gli Istituti Italiani di cultura nel mondo che toccherà 10 città, tra cui Mosca, San Paolo, San Pietroburgo, Toronto, Buenos Aires, Tirana, Berlino e che racconterà Fellini artista e uomo. Nei prossimi mesi il nuovissimo Academy Museum of Motion Pictures di Los Angeles, progettato da Renzo Piano,
organizzerà un grande tributo a Fellini, come primo capitolo di un accordo di partenariato quinquennale, fra l'Academy e Luce Cinecittà.

Omaggi al regista anche al MAM Rio - Museu de Arte Moderna do Rio de Janeiro, con "O cérebro (e a caminhada) de Guido Anselmi": la mostra (allestita dall'11/01 al 15/03, ma poi approderà anche in altre città, come Reims e Bucarest) è composta da 70 fotografie inedite di Paul Ronald, il quale ha donato ad Antonio Maraldi, direttore del Centro Cinema Città di Cesena, oltre 2.200 negativi e 250 diapositive a colori, la gran
parte del lavoro fatto sul set del film di Fellini, di cui era il fotografo di scena ufficiale. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Divisioni a due cifre: ricordate? Incubo per studenti (e genitori)

di Veronica Cursi

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma