CORONAVIRUS

Fase 2, il cinema contro il dpcm sulle riaperture. L'Anec: misure irricevibili

Lunedì 18 Maggio 2020

«Le misure in queste condizioni le misure per le sale cinematografiche sono irricevibili. Prefigurano un'insostenibilità economica e operativa che può minare il riavvio del settore». È il pesante commento dell'Anec all'allegato protocollo al Dpcm sulle riaperture.

Niente mascherine per gli artisti: i teatri respirano, ma saltano i concertoni
Riaperture 18 maggio, cosa si può fare da oggi. Dal 25 musei e palestre. Dal 3 giugno i viaggi e dal 15 cinema e teatri

Come Anec, spiega all'ANSA il presidente dell'Associazione Nazionale Esercenti Cinema Mario Lorini, «chiederemo urgentissimamente un confronto per opportune e necessarie revisioni. Abbiamo accettato la data per la ripartenza posta al 15 giugno», ma rispetto alle soluzioni per altre categorie, quelle che ci riguardano ci risultano inspiegabilmente penalizzanti e costituiscono anche un problema di immagine oltre che economico per il comparto».

Ultimo aggiornamento: 22:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani