Fabrizio Bentivoglio: «Web pericoloso, ci vado poco: così do l’esempio ai miei figli»

Giovedì 22 Febbraio 2018 di Francesca Bellino
Nella vita come nel film “Sconnessi”, da oggi nelle sale, Fabrizio Bentivoglio non ama la tecnologia e non vive “connesso”. Usa poco sia lo smartphone, sia internet e crede che questo sia un modo per dare un buon esempio a giovani ed evitar loro pericolose dipendenze della Rete.

Bentivoglio, nel film di Christian Marazziti interpreta un padre costretto a confrontarsi con una prole iperconnessa che cerca di riportare verso una comunicazione più diretta. Come si comporta con i suoi figli?
«Non sono un proibizionista. Non credo sia la strada giusta. Ma non usando io in maniera ossessiva cellulare e computer, non lo fanno neanche loro. L’esempio è sempre l’insegnamento migliore».

In che modo usa internet e smartphone?
«Solo per mandare sms, email e per informarmi. Recentemente ho provato a usare il navigatore in auto. Poi si è scaricato il cellulare e sono arrivato a destinazione abbassando il finestrino e chiedendo informazioni. Nasco analogico e rimango tale. E non mi sento affatto in deficit».

Cosa la spaventa di più dell’uso ossessivo della Rete?
«I rischi di manipolazione, se per manipolazione intendiamo la disinformazione, le menzogne, le notizie false. E quello che succede nel mondo giovanile quando ragazze fotografate e messe alla gogna mediatica arrivano fino al suicidio».

Cosa pensa dello #SconnessiDay, prima Giornata Mondiale della S-connessione appena lanciata?
«È un suggerimento, un’occasione per riflettere su cosa sta succedendo intorno a noi e per responsabilizzarsi sull’uso e l’abuso che ognuno di noi fa del web e dei mezzi tecnologici».
  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

"Viaggio sul 44, l'autobus del diavolo"

di Pietro Piovani