Ennio Fantastichini, domani camera ardente a Roma. La Rai lo ricorda con due film

Domenica 2 Dicembre 2018
Ennio Fantastichini, oggi la camera ardente a Roma. La Rai lo ricorda con due film

La camera ardente sarà aperta dalle ore 15 fino alle 19.30 e un ricordo pubblico è previsto intorno alle ore 18. Alle ore 20 in sala Kodak verrà proiettato «Mine vaganti» di Ferzan Ozpetek con cui Ennio Fantastichini ha vinto nel 2010 il David di Donatello e il Nastro d'argento.

Ennio Fantastichini, ultimi 15 giorni di agonia: morte per emorragia cerebrale
 

 

È il ricordo della Casa del Cinema a Roma per Ennio Fantastichini. Lunedì 3 dicembre il saluto di amici, parenti, appassionati e normali spettatori al popolare attore scomparso ieri. «La casa del cinema - dice il direttore Giorgio Gosetti - è da sempre il luogo in cui si ritrova chi il cinema lo fa e di chi lo ama. Insieme a Angelo Barbagallo, Pietro Valsecchi, la famiglia e tanti amici che con lui hanno lavorato nei film, in televisione, a teatro, abbiamo voluto che fosse domani, una volta ancora, la casa di Ennio. Non per un momento soltanto di raccoglimento e di tristezza ma per un saluto caldo, affettuoso e vitale proprio come Ennio è sempre stato e come resterà nella nostra memoria».

Due film sulla Rai. Non esistono ruoli piccoli o grandi: esistono solo piccoli o grandi attori e le interpretazioni di Ennio Fantastichini hanno sempre lasciato il segno. All'indomani della sua scomparsa, Rai Movie ricorda l'attore modificando la programmazione di stasera. In prima serata, alle 21.10, MINE VAGANTI di Ferzan Ozpetek, commedia corale ambientata a Lecce dove una famiglia deve affrontare i suoi pregiudizi a causa dell'inaspettato coming out di un figlio gay. Fantastichini è il padre del protagonista Riccardo Scamarcio e la sua performance esilarante e dolorosa gli ha fatto meritare il David di Donatello come miglior attore non protagonista.

Ultimo aggiornamento: 3 Dicembre, 01:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La realtà virtuale dei grillini e i problemi (reali) della città

di Simone Canettieri