Il mistero della Dolce Vita: il bagno a Fontana di Trevi fu un omaggio a Duchamp

Sabato 8 Aprile 2017 di Laura Larcan

E se nel suo film capolavoro "La Dolce Vita", Federico Fellini avesse voluto rendere uno speciale omaggio personale a Marcel Duchamp, il "padre" del Dadaismo? E se la famosa scena del bagno dentro la Fontana di Trevi, con Marcello Mastroianni e Anita Ekberg, fosse una velata citazione dell'opera più famosa dell'artista dadaista, ossia "L'orinatoio"? Un retroscena non da poco, c'è da scommetterci. La tesi è frutto di uno studio, ricerche e indagini su coincidenze e similitudini da parte di un professore, storico dell'arte, Andrea Lanini che potrebbe riscrivere la storia del film. Una bizzarria, un azzardo, una boutade? Il dibattito è aperto. L'occasione per svelare questo possibile segreto (ma il condizionale resta doveroso anche perché il confronto tra storici dell'arte e del cinema sta per scatenarsi) è l'anniversario dei 100 anni della leggendaria opera di Duchamp, "L'orinatoio", il cui vero titolo è "Fountain", il ready-made che diede il via al movimento del Dadaismo, nel 1917, appunto, e che cento anni fa provocò una delle più dirompenti controversie nel mondo dell'arte.
 

 

LA PERFORMANCE. Domenica 9 aprile, la festa va in scena in tutto il mondo secondo un singolare gemellaggio tra quei musei internazionali che possiedono nella loro collezione un "orinatoio" di Duchamp. La rete si chiama, non a caso, "Fountain 100". Nella migliore tradizione della formula "secret word", ogni istituzione avrà una parola segreta per regalare l'ingresso gratuito al pubblico. A Roma, protagonista è la Galleria Nazionale d'arte moderna e contemporanea del Mibact, sotto la direzione di Cristiana Collu che sta per essere il "tempio" della rivelazione. In biglietteria (il 9 aprile dalle 15 alle 16) il visitatore dovrà sussurrare le parole "Richard Mutt", che corrispondono al nome con cui Duchamp firmò la sua rivoluzionaria creatura. Nella cornice delle celebrazioni, ecco che la "rivelazione" sulla "Dolce Vita" va in scena attraverso una performance lezione spettacolo di Andrea Lanini: lui sostiene che Federico Fellini, nella famosa scena del bagno di Anita Ekberg e Marcello Mastroianni nella Fontana di Trevi, avrebbe "nascosto" una dedica a Marcel Duchamp. Tanti gli elementi che combaciano: Marcello (come Marcel) è il nome del protagonista del film, nonché dell'attore. Il titolo originale dell'opera di Duchamp è "Fountain", echeggiando la Fontana di Trevi della scena. Inoltre, il sottotitolo di "Fountain" è la "Vie Rose" inneggiando alla "Dolce Vita".

IL TRIANGOLO. Una triangolazione su cui Lanini ricostruisce coincidenze e similitudini, oltre al fatto che Duchamp era un artista assai amato da Fellini. Quanto all'orinatoio dadaista, la leggenda è nota: Duchamp era arrivato negli Usa nel 1915. Due anni dopo in un negozio di articoli per il bagno acquistò un comune orinatoio modello Bedfordshire, ruotò di novanta gradi l'oggetto e vi scrisse «R. Mutt 1917» per poi presentarlo a una mostra organizzata a New York dalla Society of Independent Artists di cui era membro fondatore. All'epoca, mano a dirlo, l'opera venne rifiutata. Ma poi cambiò il corso delle avanguardie del Novecento. E oggi continua a sedurre il pubblico con scenari di rivelazioni. Che ci fosse l'estro di Duchamp nei pensieri di Fellini? In fondo, questo "gioco", sarebbe piaciuto anche a lui.  

Ultimo aggiornamento: 10 Aprile, 13:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il percorso ad ostacoli dei turisti della Capitale

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma