Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Dante di Pupi Avati, stasera all'Auditorium di Roma l’anteprima istituzionale con Mattarella

Dante di Pupi Avati, stasera l anteprima istituzionale con Mattarella
3 Minuti di Lettura
Giovedì 16 Giugno 2022, 13:35 - Ultimo aggiornamento: 13:43

i svolgerà oggi a Roma all’Auditorium della Conciliazione l’anteprima nazionale del film Dante di Pupi Avati. La pellicola, che sarà nelle sale cinematografiche con O1 a fine settembre, ripercorre la vita del Sommo Poeta raccontata da Giovanni Boccaccio, primo biografo di Dante e interpretato da Sergio Castellitto

La trama   

Prodotto da DueA Cinema con Rai Cinema, Pupi Avanti il suo “Dante” lo racconta a ritroso. È il 1321 quando Dante muore a Ravenna, lontano dalla sua patria, Firenze. Circa trent'anni dopo, di preciso nel 1350, a Boccaccio viene assegnato il compito di viaggiare fino a Ravenna per condurre nelle mani di Suor Beatrice, figlia di Alighieri, 10 fiorini d'oro a nome dei capitani della compagnia di Orsanmichele. Partendo da Firenze, diretto a Ravenna, il poeta del Decameron ripercorre parte del cammino fatto da Dante negli ultimi anni del suo esilio. Durante il tragitto verso il monastero di Santo Stefano degli Ulivi, Boccaccio ha modo di incontrare diverse persone più o meno vicine a Dante, tra cui chi lo ha accolto durante l'esilio, chi, invece, lo ha allontano e, infine, la figlia del poeta. È in questo modo che Boccaccio riesce a ricostruire la storia del Divin Poeta. Il film quindi racconta diversi “Dante” da Dante Giovane, intepretato da Alessandro Sperduti, a Dante adulto, interpretato da Giulio Pizzirani. 

Il film racconta Dante, l'uomo innamorato e il poeta 

«Poter narrare Dante Alighieri per la sua umanità, è stato quel dono che attendevo da vent'anni» ha detto Pupi Avati, in una recente intervista. È l’umanità, infatti, il filo conduttore di tutto il film. Viene raccontato il Dante uomo, innamorato, che alla vista di Beatrice recita i famosi versi «Tanto gentile e tanto onesta pare la donna mia, quand'ella altrui saluta, ch'ogne lingua devèn, tremando, muta, e li occhi no l'ardiscon di guardare». Il Dante che «Ha cercato Dio. E Dio è la fine di tutti disii», come conclude il trailer.

La pellicola, una delle poche mai realizzate sul Sommo Poeta, porta la firma della prestigiosa accademia di computer grafica, Side Academy, che ne curato l’editing digitale. In particolare hanno partecipato al progetto i docenti Simone Ceccacci, Francesco Latini, Daniele Martinello e Francesco Speri, nonché buona parte degli  studenti del terzo anno. 

La presentazione il 16 giugno alle 19 all'Auditorium 

All’antemprima, che si svolgerà alle 19 all’Auditorium della Conciliazione, parteciperanno alte cariche isituzionale. È prevista la presenza  del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, della presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati e del presidente della Camera Roberto Fico. Ad accompagnare il film ci sarà Pupi Avati con il cast al completo: Sergio Castellitto, Alessandro Sperduti, Carlotta Gamba, Enrico Lo Verso, Alessandro Haber, Leopoldo Mastelloni, Milena Vukotic, Morena Gentile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA