“CinemAmbiente a casa tua”, ogni tre giorni online un film su temi green, dal clima all'ecosostenibilità

Giovedì 2 Aprile 2020
L'Elemento Umano di Matthew Testa
In questi giorni domestici si apre una finestra anche sui temi green. Il ministero dell'Ambiente e il Festival CinemAmbiente - Museo Nazionale del Cinema di Torino hanno organizzato l'iniziativa «CinemAmbiente a casa tua», una rassegna online che mette a disposizione di tutti, ogni tre giorni a partire dal 3 aprile e per le prossime settimane, un nuovo titolo, visibile gratuitamente sul sito http://www. cinemambiente.it/acasatua/. Il fim viene scelto tra i lunghi e mediometraggi che hanno riscosso particolare successo nelle ultime edizioni del Festival o che hanno approfondito temi quali i cambiamenti climatici, l'antropizzazione, la tutela degli habitat di specie, l'ecosostenibilità, i nuovi, possibili modelli di sviluppo. La diffusione in streaming dei film sarà accompagnata da videomessaggi dei registi o da videointerventi di esperti, che offriranno spunti per ulteriori approfondimenti.

«Dobbiamo innanzitutto ringraziare i distributori e i registi che hanno messo a disposizione gratuitamente i loro film, consentendoci di mantenere un contatto con il pubblico anche in questo difficile momento di distanziamento sociale - dice Gaetano Capizzi, direttore del Festival CinemAmbiente - Invitiamo anche altri ad aderire a quest'iniziativa, favorendo una riflessione sui tanti temi ambientali che sono stati messi in correlazione con la pandemia, talvolta con eccessive semplificazioni». Il primo film in diffusione streaming sarà
L'elemento umano (The Human Element) di Matthew Testa (Usa 2018, 80') che segue il fotografo James Balog in viaggio negli Stati Uniti come testimone del passaggio di uragani devastanti, di un villaggio di pescatori minacciato dall'aumento del livello del mare, dei rovinosi incendi in California e di una comunità di minatori disoccupati alla ricerca di nuove speranze. Segue La bugia verde (The Green Lie) di Werner Boote (Germania 2018, 97'), l'indagine del regista e dell'ecologista Kathrin Hartmann, che sulle orme del «greenwashing» di certe imprese, si inoltra in alcune delle aree più soggette alla politica ingannevole delle aziende.

Tra le altre pellicole da non perdere, 
Oceani, il mistero della plastica scomparsa (Océans, le Mystère plastique) di Vincent Perazio (Francia 2016, 53'): solo l'1% della plastica che fluttua negli oceani raggiunge le coste o rimane intrappolata nei ghiacci artici. Il restante 99%, non essendo biodegradabile, non scompare, semplicemente si rompe in microparticelle tossiche, in gran parte invisibili all'occhio umano. Tale processo di trasformazione sta dando vita a un nuovo ecosistema: la plastisfera.  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani