Bud Spencer, i figli Cristiana e Giuseppe ricordano il padre, attore e uomo sensibile

Sabato 27 Giugno 2020 di Ilaria Ravarino
Bud Spencer con la figlia Cristiana e Terence Hill
«Un uomo abituato a non prendersi mai sul serio», coerente «nella vita privata come sul grande schermo», «portatore sano di allegria e positività»: così, a quattro anni dalla morte (il 27 giugno 2016) i figli di Carlo Pedersoli - in arte Bud Spencer - Cristiana e Giuseppe ricordano loro padre. Un attore rimasto nel cuore dei fan «come una persona di famiglia», cui la figlia Cristiana ha recentemente dedicato uno struggente libro di memorie private, Bud. Un gigante per papà: «Ho sentito la necessità di mettere per iscritto i ricordi di mio padre, per tramandare questa sua vita avventurosa, più avventurosa di quella che viveva nei film, ai miei figli e ai miei nipoti. Ma anche ai fan, che sono la più grande eredità che ci ha lasciato papà».

Jerry Calà: «Lavorare con Bud Spencer è stato come fare l'università con lui»


Bud al Battesimo di Carletto, il figlio di Giuseppe, Cristiana è la madrina

Una vita da campione dello sport prima, da attore del cinema dopo, in mezzo tante passioni tra cui quella del volo: «Era una persona di grandissimi interessi – ricorda Giuseppe - ma l’unica decisione veramente drastica l’ha presa quando ha capito che la sua carriera da sportivo stava terminando, che doveva mettere la testa a posto e capire chi fosse veramente. Era inseguito dalle ragazze, andava in giro in decappottabile osannato dai fan dello sport. Ma ha avuto il coraggio di chiedersi: il giorno in cui non sarò più uno sportivo, cosa farò?». Amato anche fuori dall’Italia, soprattutto in Germania, l’attore è stato al centro di mostre, convegni e saggi, persino di un videogioco. Nessuno, però, ha portato la sua vita in un film: «C’è una società importante tedesca che da tempo è pronta a sviluppare una fiction su papà – dice Giuseppe - per ora l’Italia sembra snobbare la parte giovanile della sua vita. Ma confidiamo che questa cosa possa cambiare presto».


Bud e Terence Hill a Miami durante una pausa del film “Chi trova un amico trova un tesoro” 

Quest’anno si celebrerà anche un altro anniversario legato all’attore, «i cinquant’anni del film Trinità. Un remake? Sarebbe interessante, non si può precludere questa possibilità – dice la figlia – Ho sentito che vorrebbero fare un remake di Altrimenti ci arrabbiamo: sarà difficile emulare personaggi entrati cosi nel cuore della gente. Se ci riescono, bene. Noi non ci opponiamo». Spencer aveva pochi amici nell’ambiente, «Sordi lo stimava moltissimo, con Tognazzi erano amici e facevano grandi cene insieme», e il figlio Giuseppe lo ha avuto sul set anche da produttore: «Diceva che ero il peggior produttore del mondo per lui, perché a me non poteva dire di no. Né lui ne Terence Hill erano attori problematici sul set. Entrambi puntuali, professionali e rispettosi, con canoni precisi per non tradire il loro pubblico: no alle parolacce e nessuna volgarità. Anche questa coerenza li ha resi immortali».

1954.  Carlo Pedersoli si allena per incontro di puglilato





  Ultimo aggiornamento: 20:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA