A Napoli arriva #assafà, il primo Festival di social street art lungo un anno: coinvolti 1700 bambini e adolescenti

Martedì 20 Novembre 2018
Durerà un anno, dalla Giornata internazionale per i diritti dell'infanzia del 2018 che si celebra il 20 novembre a quella del 2019 e coinvolgerà 1700 tra bambini e adolescenti. Si tratta di #assafà, il primo Festival di social street art che si svolgerà nell'arco di un anno nel capoluogo campano. Giovani napoletani e street artist lavoreranno insieme per arricchire gli scenari urbani di Napoli attraverso la realizzazione di opere di street art. In questo arco temporale saranno realizzati i laboratori e si darà il via alla realizzazione delle opere in alcuni quartieri della città. «Abbiamo voluto celebrare la Giornata internazionale per i diritti dell'infanzia ponendo al centro il diritto d'espressione dei nostri ragazzi - ha spiegato l'assessore comunale al Welfare, Roberta Gaeta - dando così voce al protagonismo dei giovani che si raccontano utilizzando i loro strumenti come la musica, l'arte e in particolare la street art».

Bambini e adolescenti saranno guidati da 220 educatori e operatori sociali. Il Festival è promosso dall'assessorato al Welfare del Comune di Napoli ed è a cura di Inward, primo osservatorio italiano sulla creatività urbana che nel 2008, per conto della Presidenza del Consiglio dei ministri, ha diretto il tavolo tecnico sulla creatività urbana al Cnel per la creazione di un modello di valorizzazione della street art tra pubblico, privato e no profit. Al termine del progetto 10 rapper napoletani canteranno i valori protagonisti delle opere e sarà realizzato un video clip. Il Festival segue i lavori già avviati e realizzati attraverso il Progetto Adolescenti dell'amministrazione comunale grazie al quale sono già stati realizzati vari murales in città, tra cui quello al Vomero appena inaugurato che ritrae il volto di Ilaria Cucchi ed è stato realizzato dallo street artist Jorit.
Ultimo aggiornamento: 22 Novembre, 20:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Corinaldo, secondo i carabinieri sono 600 i biglietti venduti

di Mauro Evangelisti