Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ariana DeBose, chi è il premio Oscar come miglior attrice non protagonista: «Io ragazzina gay e di colore arrivata fino a qui»

Ha trionfato per il suo ruolo di Anita nel film di Spielberg West Side Story

Ariana DeBose premio Oscar come miglior attrice non protagonista: «Io prima donna di colore e gay a vincerlo»
3 Minuti di Lettura
Lunedì 28 Marzo 2022, 03:02 - Ultimo aggiornamento: 29 Marzo, 09:11

Ariana DeBose per il suo ruolo di Anita nel film di Steven Spielberg «West Side Story» ha vinto l'Oscar come migliore attrice non protagonista. Le altre nominate erano Jessie Buckley (La figlia Oscura), Judi Dench (Belfast), Kristen Dunst (Il potere del cane) e Aunjanue Ellis (King Richard). Ariana DeBose è la seconda attrice latina a vincere un Oscar: la prima fu Rita Moreno nel 1962 per lo stesso ruolo nella versione originale cinematografica di «West Side Story»

Il discorso che commuove il Dolby Theatre

La 31enne attrice è anche la prima star apertamente Lgbtq a vincere un Oscar per la recitazione. Nel suo discorso di ringraziamento, Ariana DeBose ha ricordato la sua infanzia da ragazza nera omosessuale. Un messaggio rivolto a chiunque si batta per vedere riconosciuta la propria identità: «Ricordatevi che c'è un posto anche per voi».

«Ma questo cosa è? Adesso avete capito perché Anita dice voglie essere in America, perché anche in questo mondo folle si possono realizzare i sogni. Se dovessi ringraziare tutte le persone che mi hanno portato qui staremmo insieme fino ai prossimi Oscar. È il massimo della vita, un grazie lo devo a te Steven, non ti liberi più di me, e a Rita Moreno che è stata fantastica. Grazie alla mia mamma che è qui con me stasera. Immaginate questa ragazzina, gay, di colore che ha trovato il cuore e il coraggio di fare quello che sognava e ora è qui e festeggia. Per chi ha mai messo in dubbio la vostra identità vi ricordo che c'è un posto per noi, c'è un posto per tutti».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA