Anya Taylor-Joy: «Sono stata vittima di bullismo a scuola per il mio aspetto»

Anya Taylor-Joy: «Sono stata vittima di bullismo a scuola per il mio aspetto»
di Valentina Venturi
4 Minuti di Lettura
Venerdì 18 Novembre 2022, 19:38

Un doloroso passato di bullismo anche per la "Regina di scacchi". Lo ha raccontato in prima persona l'attrice Anya Taylor-Joy. L'avvenente interprete ora 26enne, ha confidato in televisione di aver abbandonato la scuola a 16 anni proprio a causa degli abusi subiti in quel periodo, ma ha anche ringraziato i suoi genitori per il sostegno e le parole di rassicurazione.

Lo riporta un articolo online del Daily Mail, facendo riferimento all'intervista rilasciata dall'attrice a Drew Barrymore nel suo programma televisivo "The Drew Barrymore Show". Taylor-Joy ha ricordato la sua crescita turbolenta: «Sono stata molto, molto fortunata con i miei genitori perché quando sono stata vittima di bullismo per il mio aspetto mia madre mi ha sempre ricordato come fosse più importante dare importanza a cosa si ha dentro di sé e non all'esteriorità».

Per i primi sei anni della sua vita Anya è cresciuta in Argentina fino a quando la sua famiglia, che lei una volta ha definito «zingara, nomade e itinerante», si è trasferita a Londra. All'epoca non parlava inglese, tanto che come ha ricordato in un'altra intervista, le fu difficile adattarsi: «L'Argentina è tutta verde e avevo cavalli e animali ovunque. All'improvviso ero in una grande città e non parlavo la lingua. Non mi sentivo adatta da nessuna parte. Ero troppo inglese per essere argentina, troppo argentina per essere inglese e troppo americana per essere qualsiasi cosa. I bambini semplicemente non mi capivano in nessuna forma. Mi chiudevo negli armadietti». L'effetto, ha detto, è stato che ha trascorso molto tempo a scuola «piangendo nei bagni».

La carriera

A 14 anni la famiglia si trasferisce a New York: dopo due anni abbandona la scuola per dedicarsi alla recitazione, una decisione che ha «terrorizzato» la sua famiglia. La scelta è stata premiata: tornata a Londra e viene notata da Sarah Doukas, fondatrice dell'agenzia di modelle Storm, a cui si attribuisce anche la scoperta di Kate Moss. 

Anya ha raccontato a "Entertainment Tonight" l'anno scorso della sua esperienza d'infanzia: «Ho trascorso i primi due anni in Inghilterra giocando a giochi di battimani con le piante e imparando a leggere. Quella era la mia esistenza. Non uscivo con altri ragazzi». 

Ha aggiunto a "Elle" che si è concentrata sulla recitazione perché la scuola era strana: «Avevo bisogno di trovare un posto in cui potessi essere apprezzata e avere qualcosa da dare, invece di sentirmi costantemente sbagliata o inadeguata». Anya entra nel mondo dello spettacolo a 17 anni, come protagonista del film horror di Robert Eggers "The Witch", che le è valso numerosi riconoscimenti. Da allora ha lavorato costantemente, anche nella serie della BBC "Peaky Blinders" e "The Miniaturist". Il successo internazionale è arrivato con "La regina degli scacchi" del 2020.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA