Mattioli e Gregoraci in “Ammen” primo film post-pandemia al cinema

Domenica 21 Giugno 2020
Elisabetta Gregoraci
E' la prima pellicola italiana a tornare nelle sale cinematografiche dopo l’attenuazione delle misure di contenimento della pandemia: si intitola Ammen il nuovo film di Ciro Villano, prodotto dalla Green Film, che uscirà nelle sale di tutta la Penisola il 2 luglio. Il film - girato per tre quarti a Montecalvo, in provincia di Avellino, e per un quarto a Napoli - racconta le vicende di due napoletani "cialtroni" che scappano dalla città e si rifugiano casualmente in questo posto lontano dai loro problemi.

«Ma lì - spiega Villani - inizieranno i loro veri guai. Avevo bisogno di un paese piccolo, tranquillo e carino dove si vive ancora bene e dove c’è il pericolo però che l’ambiente salubre, le campagne e le montagne possano essere date in pasto a chi le gestisce male e diventare depositi di rifiuti o altro», ha detto ancora il registra che ha voluto trasformare a tutti i costi Montecalvo in un set cinematografico. «Che se ne dica dei piccoli paesi abbiamo avuto, tra l’altro, un’ospitalità eccezionale e una grandissima disponibilità da parte degli abitanti. Siamo davvero felici di questo. Girare nei piccoli centri, inoltre, ti permette di girare tanto e bene. Giravamo la media di quattro minuti al giorno che è tantissimo per un film», ha detto ancora Villano. A Davide Marotta e Maurizio Mattioli è andato il ruolo di protagonisti. Tra gli altri attori figurano Elisabetta Gregoraci, nel ruolo della moglie del sindaco del paese, Tommaso Bianco, che ha lavorato con Eduardo De Filippo e Luciano De Crescenzo, e Gianni Parisi, tra i protagonisti dell’ultima serie di Gomorra su Sky, e Simone Schettino tra i comici di Made in Sud. Le musiche sono di Sal Da Vinci.  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani