Alfio Contini, una rassegna a Talamone per ricordare il grande direttore della fotografia

Sabato 19 Settembre 2020
Alfio Contini, storico direttore della fotografia, scomparso il 23 marzo scorso

S’intitola “Luce! In memoria di Alfio Contini” la rassegna che si svolgerà oggi e domani con la direzione artistica di Ecista Srls&Gerry Guida, con il patrocinio A.I.C. (Autori Italiani Cinematografia) a Talamone, presso l’Hotel Capo d’Uomo (Via Cala di Forno 7), per ricordare il grande direttore della fotografia scomparso all'età di 93 anni il 23 marzo scorso in pieno periodo Covid, nel silenzio assoluto. Maestro di fama internazionale, Alfio Contini, originario di Castiglioncello, costruì la sua casa proprio a Talamone a fine Anni ‘60 e qui spese i suoi restanti anni. «Selezionando dal voluminoso archivio fotografico di famiglia Contini - dicono gli organizzatori - abbiamo pensato di realizzare una mostra interattiva di scatti che ritraggono Alfio insieme a Dino Risi, Michelangelo Antonioni, Katharine Hepburn, John Malkovich, Sofia Loren, Liliana Cavani, Adriano Celentano, Claudia Mori, Ornella Muti, Vittorio De Sica, Vittorio Gassman, Mario Monicelli e tanti altri artisti che hanno lavorato con Alfio». 

Contini con Sofia Loren sul set di "La moglie del prete"

Contini è tra i maggiori autori della Cinematografia del nostro cinema, indiscusso anticipatore dello stile fotografico moderno applicato alla settima arte. Fedele collaboratore di Dino Risi, con il quale gira sette pellicole, tra le quali I mostri e Il Sorpasso, con Vittorio Gassman e Jean Louis Trintignant, uno dei capolavori indiscussi del cinema italiano, Contini che si sentiva a proprio agio nel cinema brillante, non ha tralasciato importanti incursioni nel cinema più esplicitamente d’autore. 
Collabora per esempio con Liliana Cavani, in un film come Portiere di notte, con Vittorio De Sica ne I Girasoli, con Michelangelo Antonioni in Zabriskie Point e Al di là delle Nuvole (per il quale ottiene un David di Donatello) fino a cimentarsi con il teatro classico con la trasposizione cinematografica di The Trojan Women, del greco Michael Cacoyannis. 
Da ricordare inoltre, il sodalizio artistico con Adriano Celentano, con il quale gira, tra i tanti, il musical Yuppi du, film di grande successo. Il suo esordio ufficiale (come assistente operatore) è datato 1952 in occasione del film Il Cappotto di Alberto Lattuada, con Renato Rascel protagonista, mentre nel 2005, dopo più di mezzo secolo di carriera, Keller - Teenage Wasteland, opera prima della regista austriaca Eva Urthaler, sarà di fatto il suo ultimo lavoro. 
Proprio nell’anno in cui scompare Alfio, si celebrano i 70 anni della Autori Italiani Cinematografia, ed Ecista Srls ha deciso di organizzare, con la direzione artistica di Carlo, Irma Contini e Gerry Guida, una serata commemorativa per ricordare gli oltre 51 anni di carriera di Alfio, in cui saranno proiettati contributi video, con la possibilità di avere una nutrita presenza di ospiti. 
Tra le curiosità, Adalberto Beribè, collezionista di auto e imprenditore proprietario della Lancia Aurelia B24 con cui è stato girato il film Il sorpasso, considerato il capolavoro di Dino Risi, metterà a disposizione l’auto per celebrare la figura del “maestro della luce”.

Oggi, in serata verranno ripercorsi i momenti più importanti della lunga carriera di Contini, riproponendo vari spezzoni di film. La serata verrà moderata da Gerry Guida (storico del cinema e critico cinematografico) che accompagnerà gli spettatori in questo viaggio suggestivo e pieno di immagini di scena, aneddoti e curiosità. Durante la serata saranno molti gli interventi degli ospiti che ricorderanno, a modo loro, il rapporto di amicizia, oltre che lavorativo, sui tanti set. Gerry Guida, autore del libro “Alfio Contini: Luci e colori di una vita”, moderatore della serata, ha anche espresso la volontà di istituire un prestigioso premio a nome di Alfio Contini, iniziativa che potrebbe ricorrere annualmente portando ulteriore prestigio ed interesse anche al piccolo borgo di Talamone. 

Jean Louis Trintignant e Vittorio Gassman in "Il sorpasso". Alfio Contini direttore della fotografia

Domani verrà invece presentata e inaugurata la mostra fotografica in memoria del maestro, con scatti unici e particolari accuratamente selezionati e provenienti dall’archivio di famiglia. Si susseguiranno svariati interventi di ex collaboratori di Alfio e di autori che tutt’oggi operano attivamente nel mondo del cinema e della televisione. Sarà quindi possibile per il pubblico interagire, fare domande e chiedere approfondimenti a professionisti del settore. Saranno presentati anche libri e progetti di grande interesse realizzati da alcuni degli artisti che parteciperanno. 
Tra questi, Enrica Fico Antonioni, regista, moglie del regista di Michelangelo Antonioni; Daniele Nannuzzi, Presidente A.I.C. Autori Italiani Cinematografia; i registi Marco Risi e Luca Verdone, la regista Liliana Cavani, lo sceneggiatore e produttore Giuseppe Pedersoli e ancora Ricky  e Gianmarco Tognazzi e la regista Cinzia TH Torrini.
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA