"A quiet passion", la tranquilla passione dell'enigmatica Emily

Sabato 16 Giugno 2018 di Claudio Trionfera
La lasci Miranda Hobbes tra le trasgressioni frivole di Sex and the City, la ritrovi Emily Dickinson nella tranquilla passione raccontata da un maestro della finezza e della profondità come Terence Davies. 

Cynthia Nixon è fulgida, acquatica e vaporosa nella parte della poetessa, della donna che guarda oltre l'orizzonte dall'interno d'una società ottocentesca americana bigottissima e maschista, accompagnata da un film che ne ripassa parte della vita troppo breve con raffinata intensità emotiva, dialoghi ricercati, levità di uno humour che a momenti si apre addirittura al comico. David Lean e Jane Campion non sono così remoti, ma lo stile di Davies è personale ed ipnotico. Così Emily trapassa, scrivendo e sognando, il tempo che va nella famiglia dalla quale non vuole staccarsi: accanto ai genitori destinati a spegnersi, alla sorella Vinnie dolcemente devota, più di rado al fratello Austin che s'è infilato in un poco convincente matrimonio. 

INDECIFRABILE
Ma c'è dell'altro, più in là della poesia, nell'indecifrabile e spesso contradditoria personalità di Emily, sospesa tra l'intransigenza morale e il sopravvento della sua vocazione ribelle, tra la religiosità e il suo contrario, tra l'accendersi di un improvviso e certo impraticabile invaghimento per il reverendo Wadswort e il rifiuto autopunitivo di mostrarsi ad un pretendente perbene. Donna difficile, enigmatica si usa definirla. Guidata da Davies fino alla morte, a soli 56 anni: evocandone i versi sublimi, scrutandone le pulsioni segrete.

Cynthia Nixon ci mette del suo con una recitazione mostruosa, la regìa smagliante apparecchia però un film di connotazioni sorprendenti rispetto alle consuetudini del biografismo, mescolando estetiche classica e moderna specie con le evoluzioni, asciutte ma allo stesso tempo ricercatissime, di una fotografia che si lancia in prospettive addirittura esaltanti, da un magnifico piano sequenza circolare alla funzione drammaturgica ripetutamente espressa dalle inquadrature.

A quiet passion
Biografico/ Drammatico, Gb/Belgio, 126'
Voto: 3/5 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Fare il vento è un modo di dire per dire che non si paga al ristorante

di Mauro Evangelisti