Brexit: ok Pe a uso Fondo solidarietà Ue in caso di 'no deal'

Venerdì 25 Ottobre 2019
Brexit: ok Pe a uso Fondo solidarietà Ue in caso di 'no deal'

BRUXELLES - Via libera del Parlamento europeo all'utilizzo del Fondo europeo di solidarietà per aiutare gli Stati che potrebbero essere colpiti duramente da una Brexit senza accordo. Tuttavia, chiedono gli eurodeputati, tale Fondo deve restare uno strumento rivolto principalmente ad aiutare le regioni colpite da catastrofi naturali, quindi "occorre mettere a disposizione degli Stati membri e delle regioni mezzi supplementari per aiutarli a limitare l'impatto" di un potenziale 'no deal'. L'aula ha approvato a larga maggioranza (511 sì, 64 no, 66 astensioni) la modifica della proposta della Commissione Ue, che aveva chiesto di poter utilizzare fino alla metà del Fondo si solidarietà per sostenere i Paesi più colpiti. Il Parlamento, invece, ha abbassato la soglia al 30%, ma anche il livello minimo di danni finanziari subiti per poter chiedere un aiuto (da 1,5 miliardi a 750 milioni di euro, prezzi 2011), dando così la possibilità a un maggior numero di regioni di accedervi. Sul testo, che diventerà valido solo in caso di 'no deal', verrà ora avviato un negoziato (trilogo) fra le istituzioni europee. 

Fra gli eurodeputati italiani, solo quelli di Forza Italia e di Fratelli d'Italia hanno votato a favore del testo sul Fondo europeo di solidarietà. Si sono invece astenuti in blocco Lega, Movimento 5 Stelle e Pd (fatta eccezione per De Castro e Bonafé, che hanno votato sì, e Calenda, che invece si è opposto) perché contrari al cambio di finalità di un fondo nato per aiutare i Paesi colpiti da disastri naturali, di cui l'Italia è il maggior beneficiario in Europa. "Il testo del Parlamento migliora la proposta della Commissione perché abbassa la quota riservata alla Brexit e la soglia minima dei danni per chiedere gli aiuti", spiega l'eurodeputato Pd Andrea Cozzolino, ma la nostra "è un'opposizione rispetto al metodo usato dalla Commissione che, per far fronte a delle emergenze, non può continuare ad attingere dalle politiche tradizionali senza contribuire in maniera adeguata con nuove risorse". Fonti 5 stelle sottolineano il disaccordo sul cambiamento di finalità per il Fondo ma anche la "soddisfazione perché è passato l'aumento degli anticipi per i beneficiari" dal 10% attuale al 25% proposto dalla Commissione. Una misura, quest'ultima, indipendente dalla Brexit ma volta a sostenere in maniera tempestiva i Paesi colpiti da catastrofi. Anche la Lega sottolinea la misura sugli anticipi, "un aspetto molto importante al quale non potevamo opporci - dichiara l'eurodeputata Francesca Donato - ma non abbiamo sostenuto il testo perché non condividiamo l'utilizzo del fondo di solidarietà a questo fine. Sono soldi che andranno in prevalenza a banche e operatori finanziari tedeschi e francesi".

Ultimo aggiornamento: 08:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma