Tutti i vantaggi degli allineatori dentali

Tutti i vantaggi degli allineatori dentali
A cura di PIEMME S.p.a - INFORMAZIONE PUBBLICITARIA
4 Minuti di Lettura
Lunedì 28 Dicembre 2020, 14:45 - Ultimo aggiornamento: 15:33

E’ possibile coniugare il desiderio di allineare i denti per un sorriso migliore con l’antipatia di portare un apparecchio ortodontico? Sì, lo è. Gli esperti ci spiegano come.

Abbandonate l’idea degli apparecchi dentali antiestetici, scomodi e difficili da pulire: il mercato ortodontico offre, ad adulti e bambini, nuovi strumenti che hanno stravolto la pratica quotidiana della maggior parte degli ortodontisti, abituati ad applicare schemi terapeutici protocollati e consolidati negli anni. Stiamo parlando degli allineatori dentali (o aligner), ovvero mascherine invisibili create su misura in base alle caratteristiche dei denti che hanno la funzione di allineare – appunto – la dentatura in modo indolore e meno invasivo possibile. Oggi sappiamo, da numerosi dati clinici e scientifici, che gli allineatori possono trattare tutte le malocclusioni, a volte più velocemente ed efficacemente di altre modalità di trattamento. Perché gli aligner rappresentano una tecnica ortodontica innovativa lo abbiamo chiesto a due esperte, la dottoressa Roberta Lione e la dottoressa Chiara Pavoni, entrambe specializzate in ortognatodonzia, e titolari della clinica odontoiatrica OrthoFamily a Roma: “L’aspetto rivoluzionario della terapia con allineatori – spiega la dottoressa Lione - è l’imaging delle arcate, realizzata con scanner digitale ed elaborata come immagine tridimensionale. Questo consente all’ortodontista di visualizzare sullo schermo un modello 3d che può essere manipolato e virtualmente modificato attraverso un piano di trattamento personalizzato che sarà in seguito sviluppato da un software dedicato. Nella terapia con allineatori si chiede al clinico una “visualizzazione prospettica” del risultato completo, in modo da poter trasmettere le proprie intenzioni nel processo di pianificazione del trattamento”. Tradotto, in maniera molto sintetica, si può quindi dire che prima di mettere gli allineatori già si sa come si trasformerà la bocca.

Allineatori dentali: tutti i vantaggi

Gli aligner costituiscono un’opportunità terapeutica valida per tutte le problematiche ortodontiche. I vantaggi conseguenti al loro uso sono essenzialmente tre:

  • Semplicità di mantenere una buona igiene orale;
  • Riduzione del rischio di formazione di placca e infiammazione gengivale;
  • Opportunità di offrire una migliore qualità di vita al paziente bambino, adolescente e adulto.

C’è da aggiungere poi che gli allineatori, al contrario dei tradizionali apparecchi fissi, possono essere rimossi in qualsiasi momento, non compromettono l’alimentazione, non alterano la voce, possono essere tolti in occasioni particolari/speciali.

Allineatori dentali: i vantaggi per gli adulti

In questi ultimi anni, l’attenzione focalizzata sempre di più sulle problematiche di ordine estetico ha portato a una maggiore richiesta di trattamenti ortodontici da parte di pazienti adulti che considerano gli allineatori dentali trasparenti una scelta terapeutica adeguata e compatibile con il loro stile di vita. “Nell’adulto – spiega la dottoressa Roberta Lione, specialista in Ortognatodonzia - si acuiscono i sintomi e la percezione di una problematica dentale presente da tempo. Finalmente, il paziente adulto si sente confortato nel poter scegliere un dispositivo ortodontico in grado di coniugare l’estetica, il comfort e l’efficienza. La maggior parte dei pazienti adulti non ha conoscenze precise circa le anomalie dell’occlusione e le esigenze del trattamento ortodontico - conclude - ma la visualizzazione completa del piano di trattamento gli consente di comprendere correttamente il percorso che dovrà intraprendere per raggiungere i suoi obiettivi di salute dentale”.

Allineatori dentali: i vantaggi per i bambini

Due sono i vantaggi di questo tipo di apparecchio in caso di bambini: “Da una parte – spiega la dottoressa Pavoni – è possibile guidare la crescita cranio-facciale propria del paziente a favore di uno sviluppo armonico delle arcate e dei tessuti molli; dall’altra intercettare precocemente problematiche legate al cambio dei denti. In questo modo - commenta - è possibile seguire il paziente in età evolutiva, fino al raggiungimento di una dentatura completa sana e funzionale, che lo accompagnerà per il resto della vita”.

Da cosa dipende il successo di un trattamento ortodontico?

Prima di tutto, è opportuno sottolineare che l’opportunità di utilizzare gli allineatori dentali non può non prescindere dalla realizzazione di un percorso diagnostico completo che porti a un obiettivo coerente con i concetti classici dell’ortodonzia. Il successo di un trattamento ortodontico, poi, dipende dalla combinazione di due fattori:

  • corretta diagnosi seguita dalla formulazione di un adeguato piano di trattamento;
  • giusta applicazione clinica della tecnica ortodontica scelta.

Ovviamente, resta fondamentale anche l’affidarsi alla giusta figura medica di riferimento, ovvero l’odontoiatra con specializzazione in ortognatodonzia.

FOCUS
Dott.ssa Roberta Lione

Odontoiatra con specializzazione in Ortognatonzia, è ricercatrice e docente presso la Scuola di Specializzazione in Ortognatodonzia dell’università di Roma Tor Vergata, consulente presso il Policlinico di Tor Vergata. Ha all’attivo diverse pubblicazioni. Titolare della Clinica Odontoiatrica OrthoFamily a Roma.

Dott.ssa Chiara Pavoni

Odontoiatra, Specialista in Ortognatodonzia, è ricercatrice e docente presso la scuola di Specializzazione in Ortognatodonzia dell’Università di Roma Tor Vergata, consulente presso il Policlinico di Tor Vergata. Ha all’attivo diverse pubblicazioni. Titolare della Clinica Odontoiatrica OrthoFamily a Roma.