Ristrutturazioni chiavi in mano: la soluzione più comoda per sfruttare l’EcoBonus al 110%

A CURA DI PIEMME S.p.a - INFORMAZIONE PUBBLICITARIA
Mercoledì 28 Ottobre 2020

Se si sta pensando di ristrutturare la propria casa, questo è il momento giusto per dare forma ai propri desideri.

Il testo ufficiale del Decreto Rilancio, presentato il 13 maggio 2020, oltre alla conferma del Bonus Ristrutturazione e del Bonus Mobili, alza infatti l’EcoBonus al 110% di detrazione.

Grazie al Decreto, coloro che eseguiranno lavori di efficientamento energetico sulla prima casa (tra il 1° luglio 2020 e il 31 dicembre 2021), saranno infatti rimborsati integralmente al 110% sotto forma di detrazione fiscale IRPEF spalmata in cinque importi di pari entità.

È possibile usufruire di queste agevolazioni sotto forma di sgravi fiscali, sconti in fattura o cessione del credito, con la possibilità per tante persone di poter avviare interventi onerosi per migliorare la qualità della propria vita domestica.

Chi può richiedere l’EcoBonus al 110%?

Di seguito è riportato un breve elenco di chi può beneficiare dello sgravio fiscale del 110% per interventi di efficientamento energetico:

  • persone fisiche estranee all'attività imprenditoriale o professionale (fino a due unità immobiliari, ed eventuale parte pubblica del fabbricato);
  • aziende o professionisti con appartamenti o unità immobiliari adibite a ufficio o negozio di proprietà;
  • cooperative abitative;
  • IACP (edilizia residenziale pubblica);
  • Onlus senza scopo di lucro;
  • ASD e SSD, per interventi sugli spogliatoi.

Sebbene le linee guida siano state pubblicate solo il 23 luglio 2020, il periodo per il quale è possibile richiedere lo sgravio fiscale del 110% va dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021.

Quali sono gli interventi detraibili?

È possibile suddividere in due macro categorie gli interventi coperti dall'Ecobonus: interventi principali (di cui tratteremo nel dettaglio poco oltre) e interventi secondari (come ad esempio la sostituzione degli infissi: sono interventi che rientrano nel super bonus solo se realizzati in concomitanza con gli interventi principali).

Di seguito gli interventi principali coperti dalla detrazione, ovvero quelli di maggiore interesse per chi si appresta ad avviare la ristrutturazione di casa.

L'isolamento superficiale, come il cappotto termico, è deducibile in queste misure:

  • 50.000€ per ogni residenza plurifamiliare, singola o autonoma;
  • 40.000€ ad unità immobiliare per gli edifici composti da 2 a 8 unità;
  • 30.000€ ad unità immobiliare per gli edifici che ne hanno più di 8.

Nel calcolo della detrazione ricadono anche le spese sostenute per lavori relativi alla sostituzione degli impianti di condizionamento nelle parti comuni dell'edificio, come l’impianto centralizzato per riscaldamento, raffrescamento e condensazione (Classe A) o pompe (anche abbinate a impianti fotovoltaici) con accumulo o micro generazione di energia. Per questo genere di interventi va in detrazione un costo massimo per unità di:

  • 20.000€, per edifici fino a 8 unità immobiliari;
  • 15.000€, per edifici con più di 8 unità immobiliari.

Per gli interventi di impiantistica, come pannelli e condizionamento, effettuati su case indipendenti (ad esempio, case unifamiliari, ville e plurifamiliari), il costo massimo è di 30.000€, con detrazione del 110%.

Come faccio ad usufruire dei Bonus per le ristrutturazioni?

Vediamo cosa bisogna fare per accedere alle agevolazioni fiscali sbloccate dal nuovo bonus.

  1. Recarsi in banca per richiedere disponibilità all'acquisto del credito. A meno che si non vogliano detrarre i dividendi fiscali dalla propria dichiarazione dei redditi, questa è la prima cosa da fare.
  2. Se la banca non ha concesso l'acquisto del credito, l'unica soluzione fattibile è trasferire il credito a un’azienda disponibile a fare altrettanto (per ottenere sconti in fattura), anche se questa è la via più difficile da attuare.
  3. Il passo successivo è la diagnosi preliminare della proprietà. Una diagnosi preventiva prevede la verifica di preventivi e studi di fattibilità, con l'intervento di tecnici (geometri e architetti), termotecnici e contabili, per determinare e certificare la prestazione energetica dell'edificio prima e dopo la ricostruzione.

In genere, per poter usufruire delle detrazioni, si consiglia sempre di conservare tutti i documenti relativi al pagamento dei lavori, quali fatture e ricevute di bonifico. Un’altra opzione è quella di delegare interventi ad agenzie professionali che si occupano di ristrutturazioni chiavi in mano e arredamento.

Io Ristrutturo e Arredo: oltre la semplice ristrutturazione

Per ristrutturare con risultati soddisfacenti al 100%, in totale sicurezza e senza brutte sorprese, è sempre bene affidarsi a professionisti di comprovata esperienza come quelli del network Io Ristrutturo e Arredo, presente con 90 punti vendita in tutta Italia. Gli esperti del network possono fornire un servizio di ristrutturazioni chiavi in mano che accompagna il cliente nello svolgimento di ogni fase dei lavori, dalla progettazione fino al momento della consegna dell’immobile già arredato, compreso l’adempimento delle pratiche edilizie e burocratiche.

Tanti servizi, un unico referente: perché scegliere Io Ristrutturo e Arredo

Io Ristrutturo e Arredo fornisce un servizio completo e all inclusive, pensato per lasciare al cliente solo la parte bella ed emozionale del fare casa, togliendogli numerosi oneri e incombenze, in primis lo stress di contattare, scegliere e coordinare geometra, architetto, muratori, idraulico, elettricista, fornitori, mobilifici, e così via. Il network mette a disposizione del committente un unico referente, che gestisce il progetto dalla A alla Z e coordina il cantiere, affiancando il cliente anche nella produzione dei documenti necessari per richiedere ed accedere agli sconti fiscali in vigore.

Ciò che contraddistingue Io Ristrutturo e Arredo dagli altri servizi di ristrutturazione chiavi in mano è la filosofia che mette sempre al centro l’esperienza del cliente e i suoi desideri: il progetto nasce infatti a partire dalle esigenze estetiche, funzionali e abitative del cliente, e solo in base a queste vengono declinate tutte le soluzioni tecniche. Non è più la persona ad adattarsi ad un ambiente domestico prestabilito, ma la casa ad essere “cucita” addosso a chi la abiterà, proprio come un vestito su misura.

Ristrutturazione e arredamento in un unico progetto è la formula vincente di Io Ristrutturo e Arredo, per un nuovo modo di intendere il concetto di "chiavi in ​​mano". Attraverso progetti coordinati, il cliente può scegliere soluzioni abitative (mobili e sistemi) senza preoccuparsi delle incombenze dell'intera parte tecnica. Il risultato finale è realmente su misura per estetica e funzionalità, pensata e realizzata in base alle preferenze e alle esigenze del committente. Ogni progetto realizzato da Io Ristrutturo e Arredo è per definizione completo, coordinato e onnicomprensivo, ed è sempre accompagnato da un preventivo chiaro, trasparente e definitivo.