ROMA

Maker Faire 2019, l'arte si fa tecnologia con Maker Art. 26 opere hi-tech tra i padiglioni

Venerdì 18 Ottobre 2019 di Paolo Travisi
La tecnologia si fa arte. Novità di Maker Faire 2019 è una selezione di opere d'arte, curate da Valentino Catricalà, disseminate lungo i sette padiglioni della Fiera di Roma per accompagnare il visitatore tra artisti visionari e nuovi concetti di arte contemporanea. Si chiama MakerArt, questo progetto inedito che unisce innovazione e arte, 
proponendo una serie di installazioni interattive lungo il percorso della manifestazione: oltre a grandi installazioni d’intelligenza artificiale, robotica, sound art, videoarte, la sezione prevede dei “pop up art”, ovvero degli happening in grado di spiazzare lo spettatore tra un padiglione e l'altro.



«L'idea di MakerArt ha la sua base nella credenza che l'artista che sperimenta con la tecnologia, lavorando con scienziati, ingegneri, tecnici, diventi lui stesso il motore dell'innovazione tecnologica. Il fine dell'artista è la sperimentazione di una nuova visione, infine una nuova sensibilità. L'innovazione, trascindando gli artisti, trascina etiche più profonde» spiega Catricalà.

Sono 26 le opere presenti a MakerArt realizzate da 31 artisti di fama mondiale, provenienti da Belgio, Canada, Italia, Russia e Stati Uniti che toccano temi universali come la vita umana, la salvaguardia dell’ambiente, le relazioni sociali, ed ognuna delle opere si propone la stimolazione di interrogativi e riflessioni nello spettatore. Che è il compito proprio dell'art, che sia hi-tech o convenzionale. «Abbiamo voluto portare le opere nel tessuto della fiera, nella speranza che si creino nuove sinergie tra creativi e mondo dell'innovazione».




  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma