Maker Faire 2018, microcucine industriali e negozi su ruote: la tecnologia a difesa della qualità agroalimentare

Domenica 14 Ottobre 2018 di Alessandro Di Liegro
Il direttore di Agrocamera Carlo Hausmann

L'attenzione al cibo e all'agritech è una delle stelle polari di questa edizione di Maker Faire: «Abbiamo portato 60 progetti che raggruppano tutta la filiera dell'agroalimentare, dalla coltura alla trasformazione dei prodotti» dice Carlo Hausmann, direttore di Agrocamera, la società speciale di Camera di Commercio di Roma per l'agroalimentare: «Tra i progetti più innovativi c'è quella della miniaturizzazione di strutture dedicate alla trasformazione dei prodotti, come una cucina industriale, o un negozio su ruote completamente autonomo, che ha almeno 9 ore di autonomia, ricaricandosi con il sole e grazie alle frenate», dice Hausmann.
 

 

L'agroalimentare è uno dei comparti in cui la tecnologia sta compiendo passi da gigante, fornendo soluzioni sempre più efficaci per migliorare la quantità e qualità della produzione: «La novità di quest'anno è la grande importanza delle caratteristiche nutrizionali. Dei 40 eventi formativi, ben 10 sono stati dedicati all'evoluzione dela nutrizione perché è questo che chiede il mercato.
 

Se vogliamo difenderci dalla globalizzazione dobbiamo offrire non solo prodotti buoni ma con un contenuto nutrizionale molto alto».

Ultimo aggiornamento: 15:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma