Maker Faire 2018: calore e compost "gourmet" grazie al reattore naturale

Lunedì 15 Ottobre 2018 di Alessandro Di Liegro
Il progetto Revitae di Saverio Danubio (foto Davide Fracassi/Ag.Toiati)

Riscaldare l'acqua in modo del tutto naturale, sfruttando le capacità dei metaboliti degli scarti biodegradabili, ottenendo anche del compost “gourmet”. È il progetto dell'associazione Revitae: «Che ha dato calore in un impianto in Alaska per ben tre anni – spiega Saverio Danubio – attraverso gli scarti legno-celluloidi, che all'amministrazione costano 150 euro a tonnellata e di cui non se ne fa nulla. Invece riusciamo a inserirli in questo sistema che, come un reattore, produce calore con cui possiamo riscaldare piscine, spogliatoi e anche aule scolastiche».
 

Ultimo aggiornamento: 16 Ottobre, 22:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Noi, viaggiatori compulsivi con destinazione “ovunque

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma