Rufus Wainwright

A CURA DI PIEMME S.p.a Martedì 23 Luglio 2019
Lodato dal New York Times per la sua "genuina originalità", Rufus Wainwright si è affermato come una delle voci maschili più grandi della sua generazione. Il cantautore newyorkese nato a Montreal, durante la sua brillante carriera ha pubblicato sette album in studio, tre DVD e tre album dal vivo. Candidato ai Grammy, vincitore di due Juno Awards come Best Alternative Album nel 1999 e nel 2002. Nel 2008 è stato nominato Songwriter of the Year per il suo album Release the Stars.Musicalmente Rufus ha collaborato con molti artisti tra cui Elton John, Burt Bacharach, David Byrne, Boy George, Joni Mitchell, Pet Shop Boys e il produttore Mark Ronson. Rufus si è anche distinto suonando canzoni pop originali orchestrate e pezzi di un vasto repertorio classico con cantanti d'opera di tutto rispetto come Sondra Radvanovsky, Anna Prohaska, o Angelika Kirchschlager e orchestre di tutto il mondo come la Chicago Symphony, Toronto Symphony, Residentie Orchestra, Orchestre National de lIle de France, le orchestre del Teatro Real e Teatro Colon, tra gli altri. Nel 2014, Universal Records ha pubblicato Vibrate: The Best of Rufus Wainwright, una nuova collezione che comprende oltre diciotto pezzi che definiscono uno dei talenti più innovativi della musica. Suona regolarmente nei maggiori festival musicali di tutto il mondo tra cui il Pyramid Stage a Glastonbury, Coachella, Roskilde, e ha suonato nelle più importanti Concert Hall di tutto il mondo dalla Philharmonie de Paris, alla Royal Albert Hall di Londra, al Radio City Music Hall, Walt Disney Concert Hall, Carnegie Hall, l'Olympia a Parigi, Sydney Opera House e molti altri. Ha fatto un lungo tour in Nord America, Sud e Centro America, Asia, Australia, Russia, Medio Oriente ed Europa

Domenica 28 luglio
Roma Summer Fest 2019
Cavea ore 21
Biglietti da 15 a 25 euro + d.p.

Acquista biglietto
  Ultimo aggiornamento: 26 Luglio, 15:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Gli straordinari delle maestre con gli stracci per pulire l’aula

di Pietro Piovani