Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Egitto, autista di bus consegna urine della moglie per aggirare test antidroga, ma lei è incinta e lo smascherano

Egitto, autista di bus consegna urine della moglie per aggirare test antidroga, ma lei è incinta e lo smascherano
di Costanza Ignazzi
1 Minuto di Lettura
Mercoledì 5 Novembre 2014, 18:52 - Ultimo aggiornamento: 19:37
«Complimenti, lei è incinto». Questo l'ironico risultato di un test anti-droga che si è visto recapitare un autista egiziano di autobus selezionato per un controllo sull'uso di sostanze stupefacenti.



In realtà non era lui ad essere in stato di gravidanza, ma la moglie: l'uomo, forse preoccupato per l'esito del test, aveva consegnato un campione di urine della moglie al posto del suo. E così ha scoperto che sarebbe diventato papà, essendo la moglie incinta di due mesi.



La buona notizia non gli eviterà qualche guaio, visto che aveva dichiarato il falso - ossia che il campione consegnato fosse il suo. L'autorità dei Trasporti egiziana ha fatto partire una serie di controlli antidroga visto il forte incremento nell'uso di sostanze stupefacenti, che sono diventate comuni come le semplici sigarette. E il futuro papà che aveva architettato il trucco per sfuggire al test probabilmente ha qualcosa da rimproverarsi. Ma non prima di aver festeggiato il pargolo in arrivo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA