La Nazionale Italiana Cuochi ancora a caccia di podio. Al via le Olimpiadi di Cucina

La Nazionale Italiana Cuochi ancora a caccia di podio. Al via le Olimpiadi di Cucina
2 Minuti di Lettura
Lunedì 17 Ottobre 2016, 19:22

Ancora Olimpiadi ma non a Rio a Erfurt, in Germania. Divise blu ma non da atleta. A scendere in campo è infatti la NIC Nazionale Italiana Cuochi e le olimpiadi quelle di cucina. Tra loro anche un bergamasco. Non uno qualsiasi ma Francesco Gotti, chef, docente del Saps Agnelli Cooking Lab, e allenatore del team junior della NIC. “I giovani azzurri stanno già scaldando pentole e affilando coltelli, determinati a conquistare il titolo olimpico che ancora manca alla Nazionale italiana cuochi Junior Team” racconta Gotti a pochi giorni dalla partenza. La squadra di giovani professionisti della cucina - ragazzi tra i 18 e i 24 anni - è composta da Salvatore Canargiu, Enrico Lavernier, Andrea Tiziani, Patrick Bertoni, Aldo Emanuele Scollo. Le Culinary Olympics - che andranno in scena a Erfurt dl 22 al 25 ottobre – vedranno competere gli chef in erba nel programma buffet edibile per 12 e e nel programma caldo. “Il 22 ci sarà la prima prova” spiega Chef Gotti “all’attenzione dei giudici non solo la preparazione del buffet edibile per 12 persone ma anche il live cooking, mentre il 24 i giovani azzurri saranno impegnati nella preparazione del menù composto da starter, main course e dessert per 60 persone”.

“Ma Erfurt è cominciata mesi fa, con gli allenamenti” spiega l’orobico chef Gotti supportato durante tutte le fasi dal secondo coach del team junior, Gaetano Ragunì. “Le sessioni di allenamento sono fondamentali per affinare la preparazione del menù, le cotture, lo strumento giusto, la presentazione”. Per questo la NIC si affida da sempre a partner professionali di altissimo livello. Partner tecnico che in qualche modo accompagnerà il team azzurro anche in questa occasione. “Siamo entrati in punta di piedi nella cucina Agnelli, ma varcata la soglia c’era già aria di casa” sottolinea chef Gotti. E ancora “in Saps Agnelli cooking Lab regna un mantra “ogni cottura vuole il suo strumento adatto per forma e materiale”, e questo lo abbiamo trasmesso e insegnato all'intero team, è entrato a far parte del loro stare ai fornelli”. Che sia l’ingrediente segreto?

© RIPRODUZIONE RISERVATA