Ristoranti, la Guida Michelin compra Booktable: prenotazioni on line a tre stelle

Guida Michelin
di Luisa Mosello
2 Minuti di Lettura
Giovedì 14 Gennaio 2016, 17:43 - Ultimo aggiornamento: 16 Gennaio, 12:47

Metti una sera a cena, in un ristorante iper stellato segnalato nella Guida Michelin e prenotato con Booktable, servizio on line fra i più attivi d’Europa con base a Londra  e circa 15 mila ristoranti fra cui scegliere. Non ci sarebbe nulla di strano se non fosse che la prestigiosa Guida francese dall’inconfondibile copertina rossa, che centellina le sue stelle ai templi culinari  di tutto il mondo, non avesse comprato la piattaforma di prenotazione digitale. Obiettivo: allargare la sfera d’azione anche sul web e utilizzare il sistema molto comodo lanciato lo scorso anno da Booktable ( più di 34 milioni di coperti prenotati lo scorso anno): ovvero il pagamento della prenotazione da mobile, come accade in America con Opentable.  

Una maniera di ottimizzare anche velocemente la diffusione e la popolarità della Guida “del mangiar (bene) fuori” più famosa del mondo. Che come fatturato nel 2015 ha raggiunto 60 milioni di euro, non proprio una cifra record per il colosso dei pneumatici (ha coperto appena il 2% delle vendite totali) ma che continua sempre ad essere un vero e proprio fiore all’occhiello per la sua immagine. “Con questa acquisizione, Michelin sta capitalizzando sulla propria esperienza storica nel campo della ristorazione e diventa leader europeo nel mercato online delle prenotazioni nei ristoranti” si legge nel comunicato ufficiale dell’azienda. L’acquisto di prenotazione  rappresenta anche una sfida verso il concorrente TripAdvisor che si avvale del sistema LaFourchette.

Nell’ambiente qualcuno accenna a possibili conflitti di interesse, dovuti all’influenza  sui frequentatori dei ristoranti segnalati dalla guida. Ma la Rossa guarda oltre e pensa a mettere “in caldo” nuove iniziative come la guida sulla Scandinavia realizzata con Booktable. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA