In vendita la villa dove si innamorarono Diana e Dodi, costa 93 mln di euro

La villa in vendita e, a fianco, Dodi Al-Fayed e Lady Diana (express.co.uk - foto Ap)
di Giacomo Perra
3 Minuti di Lettura
Martedì 27 Gennaio 2015, 11:34 - Ultimo aggiornamento: 13:07

È stato il primo e ultimo nido d’amore di Lady Diana e Dodi Al-Fayed e a breve, probabilmente, di quella sfortunata storia sarà un altro ricordo destinato a sbiadire: il castello St. Therese di Saint-Tropez, megavilla della famiglia Al-Fayed in cui si conquistarono e trascorsero alcune delle ore finali delle loro esistenze la Principessa del Galles e il suo facoltoso compagno, morti a Parigi il 31 agosto del 1997, infatti, cambierà presto proprietario. L’abitazione è stata messa in vendita per 70 milioni di sterline, circa 93 milioni di euro, e a piazzarla sul mercato è stato il padre di Dodi, il signor Mohamed, ex numero uno dei magazzini “Harrods”.



Fu proprio in questa residenza che, un mese prima della sua tragica scomparsa, Al- Fayed padre, che per l’occasione acquistò uno yacht da 60 metri e da parecchi milioni di sterline, e la sua seconda consorte, la modella Heini Wathén, invitarono Diana, fresca di divorzio con Carlo d’Inghilterra, a passare l’estate insieme ai suoi due figli. La Principessa accettò e il giorno successivo al suo arrivo in Costa Azzurra incontrò Dodi, che, in precedenza, aveva visto solo una volta a Londra.

Conosciutisi meglio e fidanzatisi, successivamente, a bordo del panfilo regalato dal vecchio Al-Fayed, i due partirono per una serie di escursioni al largo delle coste francesi e italiane, attraccando anche a Portofino e in Sardegna. Al castello tornarono da soli altre due volte e la seconda, in cui furono “pizzicati” dai fotografi mentre si scambiavano un bacio, fu pochi giorni prima del loro fatale viaggio a Parigi.

Costruita nel 1860 e appartenuta anche a Ferdinand de Lesseps, promotore ed esecutore dei progetti di realizzazione dei canali di Suez e Panama, la villa merita la spesa milionaria richiesta per entrane in possesso al di là della storia dei suoi proprietari. La magione, infatti, dispone di ogni confort, componendosi, tra un appartamento principale e altre due abitazioni, di trenta stanze da letto, innumerevoli cucine, un paio di piscine, terrazze, una palestra, una sauna, un campo da tennis, una sala cinematografica, un bar, una tettoia che funge da eliporto e un molo. Insomma, davvero niente male.