Ilona Staller e il morso del cane: "Nessuna frode". Lite in diretta con Barbara D'Urso -Video

Lunedì 1 Febbraio 2016 di Valeria Arnaldi
2
Ilona Staller

ROMA - Scollatura profonda, abbigliamento total white e immancabile coroncina di fiori in testa, Ilona Staller non rinuncia al sexy-look per spiegare, negli studi di Domenica Live, la causa che ora la vede a processo per “truffa”, dopo la sua richiesta di risarcimento per il morso di un cane in cortile.

“Io sono andata a fare la spesa sulla Cassia, a Roma. Era il 2011. Avevo le borse della spesa. Ho visto un cane molto grande, che aveva fame o forse era ferito, mi sono avvicinata per provare a dargli da mangiare. Il cane mi ha azzannato il dito, che è ancora sensibile. Sono dovuta andare al Pronto Soccorso dell’ospedale San Pietro. Ho detto che ero stata ferita da un cane. Mi hanno messo i punti. Mi hanno detto di fare l’antitetanica, io non l’ho fatta perché non l’ho trovato necessario, avendo molti animali in casa, e poi perché ho paura delle iniezioni”.

A seguito del morso, la Staller ha fatto una richiesta di risarcimento, presentandogli certificati che dimostrerebbero che l’attrice a causa di quel morso non ha potuto lavorare per tre mesi. La firma sui documenti, però, è di un amico della Staller, ora accusato per falso, in quanto finto medico. Ed è per la richiesta di risarcimento che ora l’Assicurazione l’ha accusata di truffa. Secondo l’accusa, il morso sarebbe una scusa per intascare soldi.

Il legale difende la Staller: “Di chi sarebbe la responsabilità di questa cosa?”

La Staller prende le distanze dal medico: “Non era un mio amico, io sapevo che era un dottore, non sapevo fosse un falso medico. Questo è un fatto che è stato scoperto dall’Assicurazione. Lui mi ha detto che aveva uno studio ma che veniva anche privatamente a casa. Era un amico virtuale di Facebook. Aveva il timbro del medico”.

Il legale attacca i processi mediatici e i giornalisti, tirando in ballo perfino l’Ordine dei Giornalisti che, secondo lui, attaccherebbe la D’Urso. A smorzare i toni è la Staller, che cerca di allentare la tensione, mandando baci al pubblico.

“Come è possibile che una persona faccia il dottore se non è dottore?”, chiede la Staller, che ribadisce di non aver preso soldi. “Io ero in buona fede, lui mi ha ingannato. Non siamo andati ancora in processo, non so cosa rischio. Io non ho fatto nulla”.

"Questa tramissione è politicizzata", accusa il legale, attaccando la video-ricostruzione, la trasmissione e perfino i fischi del pubblico. "Lei mi deve spiegare: cosa significa che questa ricostruzione è stata fatta da questi giornalisti?", insiste l'avvocato.

I toni si fanno sempre più caldi e Ilona Staller si trova a fare da mediatrice tra Barbara D'Urso e il suo legale. "Siete gentilissimi a condannare pubblicamente la gente". E mentre l'avvocato continua il suo attacco, la D'Urso chiude l'intervento.

"Ilona ho cercato disperatamente di difenderti".
L'avvocato intanto continua a protestare, sottolineando le "bazzecole che racconta la D'Urso" e contestando anche gli inviti della conduttrice ad essere cortese nel rivolgersi allo staff dela trasmissione.
 

 

Ultimo aggiornamento: 13:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma