Galles, aiutava gli amici a lottare contro i cyber-bulli ma anche lei era fra le vittime: ragazza di 14 anni si uccide in casa

di Federica Macagnone
Era solare, allegra e sempre disponibile ad aiutare gli altri. Fino a quando la sua esistenza non è stata travolta dall'odio devastante dei bulli che la perseguitavano da tempo on line su Snapchat. Un dolore che ha tenuto nascosto alla sua famiglia e che è arrivato a farle pensare che togliersi la vita sarebbe stata l'unica soluzione possibile. Megan Evans, di Milford Haven, nel Galles, aveva solo 14 anni. Il 7 febbraio la sua mamma l'ha trovata morta in casa. A nulla è valsa la corsa in ospedale, dove i medici non hanno potuto far altro che constatarne il decesso.
 
 


Una morte sulla quale è stata fatta luce nelle ore successive: è stata la mamma di Megan, Nicola Harteveld, 40 anni, a scoprire quei messaggi di odio sul suo smartphone e di cui la figlia non aveva mai fatto parola con nessuno. Non un solo segnale che qualcosa non andasse, nulla che potesse far scattare un campanello di allarme né ai genitori né ai suoi sette fratelli. «Stava progettando una gita a Parigi per il prossimo mese - ha raccontato Nicola al Mirror - Solo dopo la sua morte abbiamo scoperto che era vittima dei bulli su Snapchat. Loro l'hanno uccisa. Quelli che sembrano messaggi banali, insulti stupidi per rabbia o per scherzo non possono più essere cancellati. Non voglio che altre famiglie vivano il nostro stesso calvario. Purtroppo i nostri figli passano il tempo attaccati ai cellulari 24 ore su 24 e non sappiamo cosa avviene nel loro mondo. Fate attenzione. Noi non ci siamo accorti di nulla. Voglio dire ai ragazzi che c'è sempre qualcuno con cui parlare e a cui chiedere aiuto. Dopo la morte di mia figlia, un ragazzo ci ha scritto di essere stato salvato da Megan, che l'ha aiutato a superare la sua lotta con i cyber-bulli».

Adesso per la mamma c'è un ultimo desiderio: riuscire a raccogliere dei cimeli durante il concerto di giugno di Justin Bieber, al quale Megan sarebbe dovuta andare, per poterli seppellire insieme alla figlia. «Le avevamo regalato i biglietti per Natale. Lei era scoppiata a piangere, era una vera fan - ha ricordato Nicola - Faccio un appello ai ragazzi: era un suo sogno avere un suo cimelio. Se riuscissimo ad averne qualcuno significherebbe aver realizzato il suo ultimo desiderio». 

La notizia della morte di Megan arriva a pochi giorni di distanza da un altro caso: Nyah James, 14 enne di Blaenymaes, è stata trovata morta nel suo letto dalla madre che tentava di svegliarla per andare a scuola. «Si è uccisa prendendo una dose eccessiva di farmaci - ha detto Dominique Williams, mamma di Nyah - Da tempo mia figlia era vittima di bullismo su Facebook e Snapchat. La polizia ha sequestrato il suo telefono per risalire ai responsabili. Tutto quello che voglio è giustizia».
Domenica 12 Febbraio 2017 - Ultimo aggiornamento: 14-02-2017 08:31

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-02-13 10:41:15
ma perchè non parlano con i genitori? ragazzi/e parlate con loro e vedrete che i bulli diventano pecore. E' successo con mia figlia, lo dico per esperienza.
2017-02-12 19:30:36
Che bella ragazza. L'invidia e' una gran brutta cosa e porta al bullismo. La societa' dovrebbe avere delle leggi severe per combattere questa violenza. Quando questo successe ad uno dei miei figli chiamai la polizia ed il bullo dovette lasciare la scuola e cambiare casa. Insegnare sempre ai nostri figli che non bisogna mai arrendersi. Dopotutto anche Churchill disse :"Never give up!".
2
  • 683
QUICKMAP