Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Anne Hathaway interrompe la dieta vegana: «Stavo male», ma gli animalisti si indignano

Anne Hathaway
di Alessia Strinati
2 Minuti di Lettura
Venerdì 12 Dicembre 2014, 11:02 - Ultimo aggiornamento: 13 Agosto, 15:50

NEW YORK - Anne Hathaway, icona dei vegani, interrompe il regime alimentare che seguiva da anni: «Mi faceva stare male».

Quello che è il sospetto di molti, sembra essere stato confermato dall'attrice americana: una dieta esclusivamente a base di cereali integrali, avocadoo, mandorle, semi di sesamo, ciocolato fondente, zenzero, curcuma e verdure ad alto contenuto di antiossidanti non è sufficiente a dare l'apporto energetico di cui ha bisogno l'organismo umano.





Durante le riprese di Interstellar, però, la Hathaway si è accorta che questa dieta non la faceva bene: «Durante le riprese del film, con indosso quella tuta così pensante, avevo bisogno di forza, energia e resistenza e la dieta vegana che seguivo non mi faceva stare bene».

La Hathaway poi confessa di essere entrata in un ristorante e di aver ordinato un bel piatto di pesce: «E mi sono sentita subito meglio».



La decisione dell'attrice non è passata inosservata agli animalisti e la Peta si è scagliata contro di lei accusandola di far soffrire gli animali a scopo alimentare. Peccato che la scienza e le esperienze personali dimostrino che l'animale, per quanto sia doveroso nei suoi confronti un assoluto rispetto, deve essere parte del regime alimentare umano. Non scordiamo che l'uomo è a sua volta un animale, onnivoro, appunto, è che necessita di carne tanto quanto può necessitarne un orso, un gatto, o quaunque altro animale carnivoro o onnivoro che sia. Come in ogni caso le scelte di vita sono libere per chiunque, ma il fanatismo alimentare rischia di diventare pericoloso.