Anna Tatangelo: «Io assediata dai paparazzi, ma sto male per loro. XFactor? Ci tornerei»

Lunedì 18 Giugno 2018
Anna Tatangelo: «Io, assediata dai paparazzi ma sto male per loro. XFactor? Ci tornerei»

“Ci sono stati tantissimi cambiamenti nella mia vita e ho voluto aspettare di mettere a posto tutti i tasselli prima di tornare con un qualcosa che non mi rappresentasse”, dopo un periodolontana dalla musica Anna Tatangelo è tornata col singolo “Chiedere scusa” parte del nuovo disco “La fortuna sia con me”.

LEGGI ANCHE ----> Cosa ha detto Anna di Gigi D'Alessio

La separazione da Gigi D’Alessio, la partecipazione a “Masterchef Celebrity” con relativa vittoria, molti cambiamenti in poco tempo: “Per me non è difficile, ma quando sento nominare la "Tatangelo" avverto subito un certo distacco. Faccio fatica a capire il perché, ma poi penso che una parte dei mass media ci abbia messo il carico. Sono stata raccontata, negli anni, in un modo non sempre veritiero e questo, molto probabilmente, non ha fatto bene né a me, né alla mia immagine. Però, grazie al cielo, c’è tantissima gente che è riuscita ad andare ben oltre”.

Ha fatto anche il giudice a XFactor, ma vorrebbe riprovare: “La verità? Sì! Mi piacerebbe davvero tanto. Quel tipo di esperienza non sono riuscita a godermela fino in fondo e non sai quanto mi dispiace. Sai cosa significa essere sempre sotto ‘esame’? Ecco: quella sensazione lì”.
Sempre inseguita da paparazzi (“Li guardo e sto male per loro”), non gli regalerà il “passo falso”: “Mi dispiace vederli tutte quelle ore, sotto casa, ad aspettare un mio passo falso. Mi hanno fotografata in tutti i modi: quando parto, quando torno, mentre faccio la spesa e persino quando vado a prendere mio figlio a scuola. Quando non lavoro amo stare a casa. Mi piace cucinare, mi piace giocare con il piccolo e mi rilasso a chiacchierare con i miei amici a cena. Se pensano di trovarmi ubriaca al ritorno di una serata in discoteca, si sbagliano di grosso”.

Ultimo aggiornamento: 17:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani