Terni, rafting per tutti: apre il centro delle Marmore

Lunedì 2 Luglio 2018 di Jacopo G. Belviso
Rafting nel Centro Marmore
Inaugura la stagione estiva il Centro Rafting Marmore a Terni, nella località di Papigno, a solo un’ora e mezza da Roma, presentando al pubblico tutte le attività nate per sfidare le rapide del fiume Nera. Non lontano dalla cascata delle Marmore, la più alta d’Europa (ben 165 metri di dislivello in tre salti), partono due delle attività di punta del centro: le discese in gommone per il rafting e per l’hydrospeed.
 
 

La prima esperienza è di gruppo sfidando su un gommone le insidie della corrente del fiume, la seconda invece è rivolta ai più temerari: l’hydrospeed consiste nella discesa in solitaria, completamente immersi nell’acqua, con il solo aiuto di un bob, un galleggiante in plastica da tenere ben saldo con le mani che consente di flottare con sicurezza. Due situazioni estreme a stretto contatto con la natura (che non necessitano di esperienza pregressa) adatte ad un pubblico maggiorenne e con la giusta dose di coraggio. Il Centro inoltre organizza anche corsi di kayak (che invece necessitano di alcune lezioni introduttive) e di canyoning, che consiste nella discesa delle montagne attraverso gole e canyon. Per chi vuole godere del paesaggio della natura, il Centro Rafting Marmore offre la possibilità di praticare il “River Walking” ovvero una camminata sul letto del fiume. La cascata infatti, essendo artificiale, comporta la chiusura della diga per alcune ore del giorno, permettendo il passaggio degli appassionati. L’impianto è adatto anche alle famiglie ed ai più piccoli che potranno avvicinarsi agli sport praticando il “Soft Rafting” che si svolge in acque più tranquille del fiume. Le guide che seguono sia grandi che bambini sono tutte certificate ed operano sul campo da moltissimi anni. Non solo attività sportive e ludiche, lo spazio offre la possibilità di organizzare addii al nubilato e al celibato, trascorrendo una giornata fuori dai soliti schemi tradizionali. «L’obiettivo - come spiegano anche sul sito web - è quello di praticare attività fluviali che permettano a persone di ogni età e cultura di mettere da parte per un giorno lo stress della vita quotidiana e venire a contatto con la nostra passione per il fiume e l’avventura in un atmosfera di sicurezza, divertimento ed ecosostenibilità». Ultimo aggiornamento: 17:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Mattia 15 anni e un sogno Diventare arbitro di calcio

di Mimmo Ferretti