Lo Yeti esiste? L'esercito indiano pubblica le foto: incredulità e ilarità sul web

Martedì 30 Aprile 2019
Lo Yeti esiste? L'esercito indiano pubblica le foto: incredulità e ilarità sul web

Ci crediate o no, lo Yeti esiste: ne sono convinti i militari dell'esercito indiano, che hanno pubblicato su Twitter la foto del passaggio sulle nevi dello Yeti, mostrando quelle che sembrerebbero delle enormi impronte. «Per la prima volta una spedizione militare in alta montagna ha rintracciato impronte del mitico animale-Yeti nel campo base del Makalu», la quinta vetta più alta del mondo: questo tweet, lanciato ieri dall'account ufficiale dell'Esercito Indiano, ha suscitato una ridda di reazioni tra i milioni di follower dei militari.

Lo yeti è un orso. Messner: «Lo dico da sempre»

La fine del gigantopiteco, quello scimmione grande e grosso che si estinse perché non si adattò a mangiare l'erba della savana

Il messaggio era accompagnato da due foto delle tracce lasciate sulla neve dal misterioso quanto mitico essere himalaiano. Il tweet dei soldati precisava che le impronte, che misurano dagli 81 ai 38 centimetri, sono state individuate il 9 aprile, e che, prima d'ora, lo Yeti era stato avvistato solo nel parco nazionale del Makalu-Barun, in Nepal.
 


La comunità del web si è sbizzarrita con l'hastag #Yeti: i più hanno ironizzato, prendendo in giro i militari, e pubblicando le immagini del gigante Wun Wun del «Trono di spade», con commenti del tipo: «Gli manca solo il sorriso». Altri hanno definito il tweet «imbarazzante», altri ancora si sono risentiti perché l'esercito ha definito lo Yeti un animale: «Siamo sempre orgogliosi di voi», ha twittato Tarun Vijay «ma per favore, abbiate rispetto, e chiamatelo uomo delle nevi». 
 


Mentre la discussione sulla reale esistenza dello Yeti impazzava, altri si indignavano perché veniva messa in discussione un'affermazione dell'esercito. Questa notte l'esercito ha aggiunto un supplemento di informazione: «La notizia si basa su prove fisiche, foto e video presi sul luogo e racconti di chi ha scoperto le tracce. Le evidenze fotografiche concordano con le teorie degli esperti in materia». A quel punto il social è esploso: il commento più ironico è arrivato questa mattina: «Guardando le foto, deduco che lo Yeti giocasse a Langdi taang», la versione indiana del gioco della campana.

Ultimo aggiornamento: 15:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Noi, viaggiatori compulsivi con destinazione “ovunque

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma