L'ufficio di sposta in parcheggio: ecco come improvvisare spazi co-working

Lunedì 6 Maggio 2019 di Giampiero Valenza
L'ufficio di sposta in parcheggio: ecco come improvvisare spazi co-working

Trasformare un parcheggio lungo una strada in uno spazio co-working, mettendo, tra le auto in sosta, una scrivania e una sedia. Questa la nuova moda lanciata con i gruppi “WePark” a San Francisco e che ha coinvolto diverse città nel mondo. Tra queste, Bristol, Tolosa e Santa Monica. Tutto parte lo scorso 25 aprile con un Tweet di Victor Pontis, fondatore di una app che aiuta i motociclisti a localizzare gli scooter elettrici: “Sto per mettere una scrivania e lavorerò in un parcheggio per un paio d'ore - aveva scritto - per dimostrare che il parcheggio può essere utilizzato per scopi migliori”.

Sindaco parcheggia nel posto disabili: fotografato, si scusa in Consiglio: «Pagherò le multe»

Amburgo, auto piomba in un centro commerciale e resta in bilico nel vuoto: almeno 9 feriti
 

"L'obiettivo - si legge sul sito web - è dimostrare che utilizziamo immobili di prestigio nelle nostre città per le auto. Come possiamo ripensare alle strade per renderle sicure, piacevoli e divertenti?".

Come hanno aperto un co-working stradale? Tutto sta nel portare scrivanie e sedie, usando la connessione internet che viene dai propri cellulari o delle aree wi-fi gratuite che sono lì vicino.

Victor, nel suo primo co-working, si è messo sulla 16esima strada, pagando il parcheggio a 2 dollari e 75 centesimi l'ora. Un prezzo per avere lo spazio del suo ufficio che lui stesso definisce come "ragionevole".

© RIPRODUZIONE RISERVATA