Twitter, ecco le chat audio per (quasi) tutti. Alcune stanze saranno a pagamento

Martedì 4 Maggio 2021
Twitter, ecco gli Spazi audio per (quasi) tutti: chat vocali per chi ha più di 600 follower

Anche Twitter si lancia nel business dell'audio. Dopo l'esplosione di Clubhouse - da cui hanno preso ispirazione anche Facebook, LinkedIn e Reddit - anche la piattaforma dei cinguettii avrà un suo spazio per le conversazioni audio. A dir la verità Twitter già da dicembre aveva iniziato a testare la funzione «Spaces» su un numero limitato di utenti e da loro aveva anche assorbito i feedback per migliorare la piattaforma. Da oggi il via libera ufficiale: non per tutti, però. Saranno solo gli account con almeno 600 follower quelli che potranno creare e ospitare una conversazione audio. 

Dal Podcast a ClubHouse, la rivoluzione social è nella voce

Questa per Twitter è una seconda fase: prima di estendere a tutti gli utenti la possibilità di creare nuove conversazioni tramite Twitter Spaces, continuerà a registrare nuovi feedback e ad aiutare le persone con una audience più ampia a conoscere ed usarlo al meglio. L'offerta così si amplia: chi già si ritrova per esprimere la propria opinione su fatti d'attualità, ma con un limite di caratteri, ora potrà puntare sulla propria voce per dare vita a nuove conversazioni. Anche con i propri "influencer" preferiti, che spesso su Twitter sono giornalisti o esperti di settore. Ora ci si potrà collegare con il proprio cantante preferito o commentare una partita con altri tifosi o degli addetti ai lavori. 

I BIGLIETTI - Con Spaces si possono creare room tematiche, a cui chiunque può partecipare, indipendentemente dal numero di follower, anche in maniera interattiva, parlando una volta che si è "alzata la mano" e l'organizzatore ha passato la parola. Più o meno come Clubhouse, si potrà vedere chi c'è nella stanza e seguirlo, se non lo si fa già, mentre al momento non vi è un vero e proprio palinsesto da controllare, anche se qualcosa di simile dovrebbe arrivare presto. Altra novità attesa è il cosiddetto "ticketing", ossia la possibilità per i creatori di room di impostare un prezzo di ingresso alla loro stanza. I conduttori potranno decidere il costo dei biglietti virtuali necessari a partecipare alle conversazioni. Twitter tratterrà una piccola commissione sul prezzo del singolo ticket, senza costi ulteriori per il pubblico. Inoltre, sarà possibile gestire la conduzione di uno Spaces insieme ad altri, per facilitarne la moderazione e Twitter introdurrà anche i sottotitoli in tempo reale, in modo che le conversazioni possano essere seguite da chiunque. Oltre alle bolle in alto nella timeline, l'attivazione di una stanza sarà segnalata da una cornice viola intorno alla foto profilo di un utente attivo in uno Spaces.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA