STATI UNITI

Stati Uniti, il mistero del tweet indecifrabile del Comando strategico. Ma non sono gli hacker

Mercoledì 31 Marzo 2021
Stati Uniti, il mistero del tweet indecifrabile del Comando strategico. Ma non sono gli hacker

Un tweet oscuro, sibillino, indecifrabile. «;l;;gmlxzssaw.», eccolo qui. Scritto dalla mano di un bimbo che le lettere dell'alfabeto nemmeno le conosce e ha semplicemente premuto la tastiera a caso. Capita proprio a tutti. Dopo la videocamera lasciata accesa quando era meglio di no, lo sciacquone del water in diretta Zoom, i bambini che irrompono durante l'intervista a distanza e in streaming, ecco un altro esempio di inciampo social.

Gaffe a Napoli: consigliere comunale tira lo sciacquone in diretta

Il protagonista stavolta è l'account social del Comando strategico degli Stati Uniti che è responsabile dell'arsenale nucleare americano. Il profilo sicial ha suscitato confusione dopo aver rilasciato ub messaggio su Twitter che sembrava essere privo di senso, questo: «;l;;gmlxzssaw». Il tweet è stato cancellato poco dopo ed è stato chiesto agli utenti di ignorare il precedente post. 

Smart working, fra stress e distrazioni la giornata lavorativa si allunga: i risultati dello studio americano

Oristano, si spoglia con la webcam accesa: gaffe a luci rosse al consiglio comunale in streaming

Gli  utenti di Twitter, riporta il sito Daily Dot, hanno iniziato a scherzare sul fatto che l'agenzia aveva inviato un codice di lancio nucleare. Il tweet è stato persino usato dai seguaci di QAnon per promuovere la loro teoria della cospirazione. In realtà quel tweet era solo un incidente. Daily Dot ha infatti presentato una richiesta di Freedom of Information Act (FOIA) al Comando e ha appreso che un bambino piccolo aveva prodotto il tweet. 

 

Nella risposta ufficiale al giornalista, l'Ufficiale responsabile del FOIA ha dichiarato che il tweet era stato fatto quando il responsabile di Twitter dell'agenzia ha lasciato momentaneamente il suo computer incustodito.  «Il responsabile di Twitter del comando, mentre era in uno stato di telelavoro, ha lasciato momentaneamente l'account Twitter del comando aperto e incustodito», si legge nella risposta. «Il suo bambino ha approfittato della situazione e ha iniziato a giocare con i tasti e purtroppo, e senza saperlo, ha pubblicato il tweet». Insomma, non c'erano gli hacker dietro al tweet; perché anche questa ipotesi era stata presa in considerazione. 

Studystream, videocamera attiva e microfono spento in collegamento con migliaia di studenti per trovare la concentrazione

Ultimo aggiornamento: 12:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA