#RIPTwitter: il social vuole introdurre i "fleet" che si autodistruggono, gli utenti insorgono

Giovedì 5 Marzo 2020 di Riccardo De Palo
#RIPTwitter: il social vuole introdurre i

Twitter sta testando “fleets,” un nuovo genere di tweet effimero, che si autodistrugge dopo 24 ore. Un tipo di post reso popolare dalle storie di Snapchat, e molto simile, anche, alle storie di Instagram e Facebook
L'iniziativa non è piaciuta a molti utenti, che hanno lanciato l'hashtag #RIPTwitter, con centinaia di migliaia di post: in molti sostengono che questa iniziativa nuoce all'unicità del social, e che - semmai - sarebbe stato necessario rendere possibile la correzione dei propri tweet.

 


Twitter sostiene invece che il nuovo format è pensato per “fleeting thoughts,” ovvero "pensieri fugaci", che gli utenti non intendono fissare permamente come tweet. «Una delle cose uniche di Twitter, dice il manager del social Kayvon Beykpour in un post, è la capacità di dire "ciò che sta accadendo", ma condividere i propri pensieri può anche essere un gesto intimidatorio». Per questo ora i responsabili del social stanno cercando di fare tesoro di suggerimenti e statistiche, per creare nuove possibilità di utilizzo del mezzo.

 


Il primo test per i fleets è, come dice appunto questo post, il Brasile, dove Twitter è un social molto diffuso; in base alla risposta, si deciderà se implementare la nuova funzione anche altrove.  

Twitter vieta la pubblicità politica a livello globale, l'ad Dorsey: «Troppo pericolosa»

Allo stesso modo dei tweet, i fleet sono basati su un testo, ma possono includere anche video, gif, o foto; e l'utente può replicare con messaggio diretto o con un emoji. Snapchat ha lanciato le sue storie nel 2013, Instagram nel 2016, un anno dopo Facebook.

Facebook e twitter, guerra alla fake news: «Stiamo fermando chi inquina i social»

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani