CORONAVIRUS

Coronavirus, Zingaretti nel mirino degli haters per una foto al ristorante del 27 febbraio

Sabato 7 Marzo 2020
Coronavirus, Zingaretti nel mirino degli haters per una foto al ristorante del 27 febbraio

Come il vaso di Pandora, a volte aprire i social può diventare un’arma a doppio taglio. La ricerca di informazioni attraverso i canali “alternativi” può portare ad alcuni rischi. Uno di questi è quello di imbattersi nei commenti degli utenti. Anzi, degli haters. E’ il caso della notizia relativa alla positività di Nicola Zingaretti al coronavirus. Il governatore del Lazio ha annunciato su Facebook di aver contratto il Covid-19. Un momento privato condiviso con milioni di utenti attraverso parole pacate, di serenità, coerenti con il messaggio politico trasmesso fino a qualche ora prima: «Niente panico».

VIDEO Zingaretti annuncia: «Sono positivo al coronavirus»

In pochi minuti un altro virus si è propagato tra i messaggi di sostegno per il segretario del Partito Democratico. Quello dell’odio social accompagnato da un’immagine: quella di Zingaretti e di alcuni ragazzi in una foto scatta il 27 febbraio scorso a Milano. «Parola d’ordine: normalità» si legge nel post di 10 giorni fa pubblicato da Zingaretti. Che scrive, mostrando un brindisi con alcuni ragazzi, parole di solidarietà per Milano: «Un aperitivo a Milano, ho accolto l’appello lanciato dal sindaco Sala e dal Pd Milano. Non perdiamo le nostre abitudini, non possiamo fermare Milano e l’Italia. La nostra economia è più forte della paura: usciamo a bere un apertitivo, un caffè o per mangiare una pizza. Coraggio, reagiamo e uniti ce la faremo!».

Difficile selezionare i commenti “pubblicabili” contro quella iniziativa che (va sottolineato: avvenuta 10 giorni fa) ora si ripresenta come un boomerang. Eccone uno: «Dopo avere genialmente organizzato baci e abbracci con spritz e tramezzini tra i ragazzi a #Milanononsiferma #Zingaretti è risultato positivo al #Coronavirus Complimenti anche agli incoscienti come lui che con questa assurda iniziativa del #PD hanno generato ulteriori infetti». E ancora: «Però, bravo Zingaretti, è venuto fino a Milano, dal selfie si evince che è venuto a lavorare tanto,e dal viso si nota anche la preoccupazione ,ma che bravo,queste sarebbero le vostre abitudini? E a tutti gli altri che non possono permettersi queste abitudini ,almeno pensateci».

Infine: «Ti auguro una pronta guarigione Zingaretti. Però, quanta inconsapevolezza e quanta sciaguratezza in questo post! Normalità si, ma non quando va contro le disposizioni di esperti e del governo! Buona guarigione, ora l'importante è questo».

Ultimo aggiornamento: 14:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani